Utente 189XXX
Gentile dottore, qualche giorno fa mi sono recato ad una visita andrologica per effettuare un controllo per una possibile esposizione al virus HPV richiesta dal ginecologo della mia partner. Durante la visita il medico ha solo ispezionato visivamente il pene ed il glande senza fare prelievi, tamponi o controlli simili. Vorrei sapere se mediante una semplice ispezione visiva sia possibile notare ciò (il timore è che l'esame non sia stato effettuato a dovere o al meglio).
In attesa di una vostra risposta, porgo in anticipo distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
La prima valutazione richiede solo un'ispezione ed un attento esame obbiettivo dei genitali, zona limitrofa e regione anale per escludere lesioni ben visibili; se c'è un sospetto anche minimo si richiede eventualmente una peniscopia, esame analogo alla colposcopia per le signore.

E' saggio comunque nell'arco di tre-sei mesi ripetere la valutazione clinica con esperto andrologo.
[#2] dopo  
Utente 189XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la tempestiva risposta, è stato gentilissimo e molto chiaro. La ringrazio per la sua disponibilità. Distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ci tenga aggiornati comunque, se lo desidera.
[#4] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
come le diceva il collega Giovanni Beretta la peniscopia
(esame equivalente alla colposcopia delle donne) mette in evidenza lesioni "sub-cliniche" cioè lesioni non facilmente o per nulla evidenziali ad un solo esame clinico (ad esempio i condilomi piani). Si tratta di un esame semplice ed indolore. Va sottolineato anche l'altro consiglio dato dal collega Beretta circa l'opportunità di ripetere questa indagine a distanza di tre mesi a causa
del lungo periodo di incubazione del virus e della crescita estremamente lenta delle lesioni.
Altre informazioni su questo argomento può trovarle all'indirizzo www.ambulatoriodiandrologia.it
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 189XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per aver arricchito la già esauriente risposta del suo collega. Vi ringrazio entrambi per il vostro consiglio. Distinti saluti.