Utente 121XXX
Buona sera, la mia mamma (66 anni) fra un mesetto sarà operata per la sindrome del tunnel carpale, dopo aver preso per circa 2 anni degli antidolorifici e aver fatto delle infiltrazioni.Il dottore che l'ha visitata e che la opererà le ha addirittura detto che ha l'osso del polso che sta venendo in fuori (chiaramente visibile anche dai raggi) Vorrei sapere più o meno quanto ci vorrà per recuperare l'uso della mano e questa come sarà ''immobilizzata'' (gesso,fasciatura...). Posso aspettarmi anche un esito dell'operazione negativo?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Dubito che l'ortopedico abbia davvero detto "che ha l'osso del polso che sta venendo in fuori (chiaramente visibile anche dai raggi) " se non altro perché le ossa del polso sono 10. In genere l'uso della mano è totale nel giro di un mese. Per quanto riguarda il rischio di "un esito dell'operazione negativo", questo è presente in varia misura in qualsiasi intervento chirurgico, anche il più piccolo. E' l'Ortopedico che opererà Sua mamma a doverle illustrare rischi, benefici, percentuali di successo, tempi di recupero, eventuali successive terapie ecc, e il tutto farà parte del consenso informato che la signora dovrà firmare prima dell'intervento.
Per documentarsi meglio può leggere qui
http://www.medicitalia.it/minforma/Ortopedia/86/La-sindrome-del-tunnel-carpale
http://www.ortopedicoabologna.it/index.php?id=18 (ricordi che quanto descritto si riferisce all'esperienza e agli usi dell'autore, e che l'Ortopedico di Sua mamma può avere abitudini diverse, altrettanto valide)
Cordiali saluti