Utente 137XXX
IN RIFERIMENTO AL CONSULTO INTITOLATO "VISITA"

Salve a tutti sono trascorsi circa 6 mesi dall'intervento di varicocele, in questi mesi ho avuto sempre fastidi ma il chirurgo mi ha sempre detto di non fare nulla. Oggi con la scusa dei 6 mesi ho fatto dei controlli.
Risultato ecocolordoppler: recidiva di varicocele di 1° o 2° grado dimensioni varicocele 3.7mm contro i 5mm prima dell'intervento eseguito secondo palomo.
Risultato ecografia: epididimo sx discretamente ingrandito, ecostruttura lievemente disomogenea come per note di flogosi di data non recente, conclusioni modesta condizione di epididimite globale sx di data non recente. Cosa devo fare ora? oltre uno spermiogramma e una spermiocoltura? Posso fare una cura secondo voi? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
avendo ricevuto la Sua richiesta sulla mia casella postale privata, è li che Le ho dato il mio parere.
Affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,rispondo in veste di consulente del forum...In relazione ai quesiti posti sarebbe interessante conoscere il responso dell'ecodoppler pre-intervento per sottolineare la presenza o meno dell'epididimite sx "globale" di data non recente...Inoltre la conoscenza dello esame seminale pre-intervento ci può permettere di
monitorare l'andamento terapeutico,seppur preliminare,correlandolo con il prossimo che andrà ad eseguire.Sarei curioso di conoscere il parere del chirurgo che l'ha operata il quale certamente meglio di noi può esprimersi in merito.Infine sarebbe utile sapere se si é sottoposto alla correzione del varicocele sinistro perché aveva una sintomatologia algica (dolore) o perché lo spermiogramma era alterato.Ci risponda,se ritiene.
Cordialità
[#3] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Salve rispondo subito alle domande poste:

1)nell'ecodoppler pre-intervento era presente un varicocele sx classificato di III grado di 5mm operato secondo palomo, non era stato rilevato altro era tutto completamente nella norma.

2)il liquido seminale pre-intervento presentava una ridotta motilità.

3)mi sono sottoposto all'intervento di correzione si per sintomatologia algica "che non è passata" sia per alterazione dello spermiogramma.

Non appena eseguito farò sapere il nuovo risultato dello spermiogramma e il parere del chirurgo che per ora attende il risultato dello spermiogramma che dovrò eseguire.
Grazie
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
l'indicazione all'intervento di correzione del varicocele era corretta. Non condivido invece la scelta della tecnica chirurgica adoperata. Giustamente il Chirurgo attende l'esito dell'esame del liquido seminale. Anche noi
Affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
la cosa più importante è sapere l'esito dello spermiogramma in quanto è quello il motivo per cui conviene intervenire sul varicocele.
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
rilegga comunque la risposta che Le ho inviato in seguito alla Sua richiesta sulla casella di posta elettronica privata.
Ancora cari saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Collega Martino,non credo che sia elegante nei confronti dell'utente che continua a rivolgersi al forum,nonchè dei colleghi che vi prendono parte,continuare a riferirsi ad un (leggittimo) scambio epistolare che intercorre privatamente con l'Utente ma che a noi colleghi non deve interessare.Devo confessare che sono stupito da queste insistenze che non sono in linea con la Tua militanza pluriennale nel forum.Scusandomi con l'Utente per questa "invasione" Vi saluto cordialmente tutti.
[#8] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Per il dott. Izzo mi dispiace dirle che si sta sbagliando il Prof. Martino mi ha solo risposto in un precedente consulto da me fatto che io avevo aperto in merito allo stesso problema intitolato "VISITA"... ma non avendo pareri da altri andrologi "non so il perchè" IO ho deciso di aprire questo nuovo.
[#9] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Chiarito lo "strano" arcano.Saluti a Tutti
[#10] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

l'intervento chirurgico di Palomo per la terapia chirurgia del varicocele ha una percentuale di recidive dell'ordine del 13%, ed è il motivo per cui, da alcuni anni ci si orienta ad utilizzare tecniche diverse che però hanno anch'esse una percentuale di recidive variabile tra il 5 ed il 9%. Anche le tecniche di sclero-embolizzazione radiologica che in Italia "vanno molto di moda" negli ultimi anni ( in America e Germania si effettuano dal 1990 !)presentano recidive in una percentuale variabile dal 3-4% in su.
Tutte le volte che in chirurgia si affronta il sistema venoso non si può mai essere certi della chiusura di tutte le vene esistenti o della possibilità di neoformazione di vasi venosi che by-passano la interruzione o chiusura chirurgica o radiologica.
Quindi la possibilità di una recidiva deve essere sempre prospettata dal chirurgo al paziente.Non deve essere una sorpresa !
Un po' diverso il problema dell'ingrossamento dell'epididimo sinistro. Con discreta frequenza, dopo un intervento di Palomo ( in cui si allacciano vene ed arterie testicolari)ci può essere una condizioe di flogosi ( aumento di volume e dolenzia) dell'epididimo sinistro forse per disturbi vascolari concomitanti.
Senza drammatizzare, consiglierei di riconsultare il collega che ha operato e di valutare il liquido seminale nei prossimi mesi per vedere se persistano le alterazioni riferibili al varicocele e quindi prendere le opportune misure terapeutiche che il suo curante le vorrà consigliare.
Cari saluti
[#11] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
che aggiungere... :)
A me, come al solito, interessa solo che io e Lei ci si sia capiti.
Ancora affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
intervengo solo per ribadire le giuste osservazioni del collega Izzo . Il forum "pubblico" è fatto non solo per creare intese tra un collega e un utente ma anche per chiarire ed esporre, a tutti quelli che ci leggono, le nostre valutazioni e i nostri consigli. Questi dovrebbero avere un valore anche per tutti gli altri utenti che visitano il forum. Sulle considerazioni generali più "tecniche", di tipo chirurgico, poi mi trovo in sintonia con i pensieri espressi dal collega Pozza.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
[#13] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
colgo al volo l'occasione, se Lei lo permette, per chiarire una mia posizione personale, e ripeto personale, ed in quanto tale solo mia.
Fatto salvo quello che penso in tema di privacy, pubblicità e divulgazione, il tipo di rapporto che intendo creare e costruire con ciascun Utente che a me direttamente si rivolge in casella postale privata o al quale do un mio parere in Forum pubblico, è di tipo non diretto ma DIRETTISSIMO. Vorrei che fosse proprio un rapporto personale. E' come se l'Utente fosse seduto davanti a me nel mio Ambulatorio o nel mio Studio. Voglio creare, sia pure con i limiti del mezzo mediatico, non solo una intesa...MA DI PIU', un rapporto basato su fiducia e confidenza, aspetti che reputo essenziali nell'operato di chi si è assunto liberamente il compito di "curare" qualcuno. Gli Utenti che leggessero la risposta e si sentissero parte in causa per problemi simili o meno possono a loro volta intervenire ed avere un parere anche questa volta personalizzato. In definitiva il mio comportamento nei confronti di un Utente è e sarà sempre identico a quello che presento giornalmente ad un mio paziente in carne ed ossa.
Talvolta anzi vorrei scrivere meglio e più a lungo, ma il mio tempo libero ormai non esiste, e quello necessario al Forum devo davvero ritagliarlo a spese di tante altre cose.
Mi spiace se ho ancora una volta, pur essendomi ripromesso di non farlo mai, ho approfittato della Sua mail.
Affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#14] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Martino,sono convinto che Tutti i Colleghi che partecipano a questo forum medico siano animati dalle medesime finalità che sottolinei nella Tua ultima.La ricerca di un rapporto empatico con l'Utente é la prima preoccupazione di ognuno di Noi,consci dei limiti imposti dalla comunicazione mediatica.L'aspetto medico,in verità,costituisce il problema minore in quanto si presume che Chi risponde ai quesiti degli Utenti abbia una competenza specifica nel campo (pur se leggittimamente opinabile in altre sedi).Ho l'impressione che la antica militanza nel Forum Ti abbia reso eccessivamente "protagonista" (certamente per entusiasmo),come dimostra l'esigenza,verificabile,di chiudere la massima parte delle
consultazioni,spesso ribadendo conclusioni già chiaramente espresse da altri Colleghi.Va da sè che,in assenza di altre sedi dove dibattere nel merito,anch'io mi scuso con l'Utente dell'invasione ma,a volte,anch'io penso di riuscire a capirmi con l'Utente.
Un cordiale saluti a Tutti.
[#15] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
prometto è l'ultima volta che approfitto :)
Concordo con quanto sostenuto dal Collega IZZO, anzi mi fa piacere di ritrovare in quello che scrive molto di quello che penso.
Più che ribadire io direi condividere. Ribadire e condividere conclusioni di altri Colleghi, oltre che a sottolineare la stima professionale nei confronti degli stessi, serve proprio ad affermare una comune visione del problema. Come sto facendo in questo momento.
Tutto qui.
Credo poi che tutti gli uomini, Medici e non, debbano essere in un certo senso protagonisti, nella misura possibile, nella loro vita reale e non in quella virtuale. Ove ciò accadesse, ci sarebbe lavoro per i nostri stimatissimi Colleghi GARBOLINO e BULLA :).
La verità è che ho un pessimo carattere :)
Ancora affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#16] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Salve invece di discutere tra di voi "anche se ne avete la piena facoltà" essendo voi medici i veri leader del sito.... perchè non mi dite se secondo voi è possibile fare una cura almeno per fare passare le fitte improvvise o alcune volte il vero e proprio dolore che sento lungo lo scroto sx e che si irradia in tutto l'internocoscia fino alla gamba. Grazie
[#17] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
Lei ha ragione. Lo penso e l'ho scritto più volte. Non è questa la sede idonea per discutere fra Medici di professionalità o deontologia. I "leaders" del sito devono essere gli Utenti, anche se le nostre discussioni in fondo sono finalizzate a migliorare il servizio offerto dal Forum.
Ma precisato questo, come potremmo darLe una terapia senza avere una diagnosi? Il mio consiglio resta quello già espresso in precedenti e-mail.
Auguri affettuosi e cordialissimi saluti
Prof. Giovanni MARTINO

[#18] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
caro utente
credo che prima di iniziare una terapia bisogna aver chiaro l'idea di cosa si va a trattare se no diventa tutto aleatorio per tentare
[#19] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Grazie per le risposte, secondo voi oltre spermiogramma e spermicoltura è necessario fare un urinocoltura?
[#20] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
io la consiglierei
[#21] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
potrebbe esserlo, subito o magari in futuro, oppure essere superflua. Dipende dalla Sua anamnesi e dall'esame obbiettivo.
Il fatto che, secondo noi, l'esame cui Lei fa riferimento sia consigliabile non La esime da sottoporsi ad un controllo andrologico reale.
Affettuosi auguri e cordialissimi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#22] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
Lei potrebbe aver necessità, immediata o futura,
di una urinocoltura, oppure potrebbe essere semplicemente
un esame al momento superfluo.
Questa distinzione presuppone la raccolta dei dati anamnestici
ed una visita clinica. Voglio dire presuppone un controllo reale
presso uno specialista Andrologo. Questo rimane il mio consiglio.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#23] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Eccomi qui di nuovo ho perso un pò di tempo causa esami universitari. comunque le novità sono:

spermiocoltura negativa
spermiogramma:
1) Quantità: 5 ml
2) Colore: biancastro
3) Aspetto: torbido
4) Coagulo: presente
5) Fluidificazione completa: 5 minuti
6) Viscosità: diminuita
7) Ph: 7.7
8) Numero nemaspermi/ul: 23.000
9) Percentuale nemaspermi mobili: dopo mezz'ora 75%, dopo 2 ore 58%, dopo 3 ore 36%
10) Percentuale nemaspermi normalmente conformati: 86%
11) 8-10 leucociti

Io continuo ad avere fastidio che alcune volte diventa dolore specialmente all'epididimo.
Ho fatto in questi giorni la visita e la risposta è stata: per il dolore prendi un antidolorifico, per il resto è ancora presto aspetta 1 anno dall'intervento.
Voi cosa ne pensate? Vi ringrazio a tutti in anticipo per quello che fate.
[#24] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Ho la sensazione che lo spermiogramma sia stato eseguito presso un laboratorio non specializzato.Il fatto non é di secondo momento,particolarmente se questo esame é l'unico presidio diagnostico e prognostico per controllare a distanza l'esito di un intervento chirurgico le cui modalità di esecuzione lasciano spazio alla probabilità (speriamo di no) di una recidiva.Buono studio.
[#25] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
davvero buono il referto dei Sui parametri seminali. Molto buono. Troppo buono? Siamo sicuri della accertata qualificazione del Centro che ha effettuato l'esame? Andrà ripetuto nell'ottica della valutazione terapeutica della recidiva di varicocele.
Ci tenga informati dell’evoluzione del storia clinica, se lo desidera.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#26] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Non so se sia un centro qualificato, ma va veramente bene!!! il numero dei nemaspermi/ul è 23000 e loro come valori normali danno 60.000 - 100.000!!!
[#27] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

non so se è arrivata una mia risposta .
Un esame del liquido seminale, a mio parere ed esperienza , può essre effettuato in maniera adeguata da qualsiasi laboratorio "serio" senza dover essere "certificato" o "validato" ( da chi??)
L'esame effettuato sembra mostrare valori discreti.
Segua i consigli di chi la segue direttamente, magari ripetendo l'esame tra alcuni mesi
cari saluti
[#28] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
una morfologia normale con una percentuale dell'86% non può che scatenare sospetti sul laboratorio che ha condotto l'esame del suo liquido seminale . Con i criteri dettati in questi ultimi anni dall'OMS è come se ci dicessero che hanno visto volare un asino.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#29] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Quindi non è molto attendibile, mi sapete indicare un centro specializzato a reggio calabria o messina? sul web dove trovo i criteri per un corretto spermiogramma, sia esecuzione che risultati attendibili che dovrebbero venir fuori?
[#30] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
non mi viene alla mente un sito come da lei richiesto comunque ,se desidera avere più informazioni su questo tipo di tematiche e conoscere i criteri dell'OMS può anche leggere il facile manuale , scritto dalla ginecologa Elisabetta Chelo, "Quando i figli non arrivano" , CIC edizioni internazionali , Roma.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org


[#31] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
del tutto d'accordo con il parere espresso nella penultima risposta dal Collega BERETTA. Un laboratorio di Seminologia "qualificato", a mio parere, significa laboratosio "dedicato" a questo particolarissimo tipo di indagine. Un laboratorio può essere definito "serio"...:)...anche se non capisco questo tipo di aggettivo rapportato ad una Struttura Clinica...ma non qualificato allo studio approfondito della infertilità. Dovrebbe essere il Suo Andrologo a conoscere quali sono i parametri che contraddistinguono l'esecuzione di uno spermiogramma attendibile, e a consigliarle come, quando e dove sottoporsi a questo tipo di controllo.
Ci tenga sempre informati se lo desidera.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#32] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Salve sono di nuovo qui, sono trascorsi alcuni mesi nel frattempo ho provveduto a fare un esame dello sperma completo di coltura in un centro specializzato per la fertilità, nei risultati oltre un volume di eiaculato pari a 9 ml, fruttosio pari a 489 mg e fruttosio corretto pari a 8.18 mg e venuto fuori un proteus m. trattato con ceftriaxone e ciprofloxacina, ora nonostante le cure antibiotiche io continuo ad avvertire bruciore allo scroto sx in cui ero stato operato di varicocele; come mai? come è possibile che questa situazione non si riesca a risolvere nonostante 15 giorni di antibiotico terminato ormai da 10 giorni? grazie
[#33] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
in effetti si tratta spesso di procedimenti terapeutici lunghi e complessi. Non mi stupirei se occorresse ancora del tempo per eradicare l'infezione seminale. Tuttavia non sottovaluterei nemmeno il problema della recidiva del varicocele. Di questo dovrebbe discutere con Il Suo Andrologo e/o con il Suo Chirurgo di fiducia.
Ci tenga sempre informati se lo ritiene utile ed opportuno.
Auguri affettuosi per la risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#34] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Grazie per la risposta Prof. Martino e per il tempo che dedica, nella settimana entrante dovrò ripetere la spermocoltura per valutare se la cura antibiotica fatta è stata sufficiente. Appena avrò i risultati li inserirò subito.Grazie
[#35] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
benissimo. Allora ci aggiorneremo sulla base dei nuovi referti.
Ci tenga informati se lo ritiene utile ed opportuno.
Saluti affettuosi
Prof. Giovanni MARTINO
[#36] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Salve ho ripetuto la spermiocoltura (3 giorni di astinenza), ecco i risultati:
aspetto: proprio
colore: opalescente
viscosità: regolare
coagulo: presente
VOLUME: 8.7 ml
ph:8.1
fluidificazione completa in 15 min
numero spermatozoi: 87.00 MIL/ml
756.90 MILIONI/ Eiac
round cells: assenti
la spermiocltura è negativa per tutti i tipi di patogeni.

Problema:
1) perché il volume non diminuisce in valori normali?
2) cosa devo fare dato che io continuo ad avere forte bruciore al testicolo sx specialmente la sera o se sto molto seduto?
Lo specialista ha detto solo di lasciare tutto cosi e di rifare un color-doppler e un'ecografia a un anno dall'intervento, cioè a fine aprile. grazie spero di avere delle risposte
[#37] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...mi sembra un esame non conforme ai parametri del WHO (qual'é la motilità e la morfologia?).Segua i saggi consigli di chi l'ha visitata...(e si ponga meno quesiti).Cordialità
[#38] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Per il dott.Izzo l'esame è stato eseguito in un centro specializzato per l'infertilità, è quello di controllo post-infezione da proteus m. Non mi interessava rifare uno spermiogramma completo ma solo la spermiocoltura, ho poi inserito solo alcuni parametri per far intuire la situazione, infatti nonostante la spermiocoltura sia negativa il volume rimane sempre molto alto e il dolore/bruciore anche. Grazie per la risposta
[#39] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
mi spiace aggiungere con relativo ritardo un mio commento.
In ogni caso. La spermiocoltura è negativa. E questo è un dato di fatto che "dobbiamo" ritenere inconfutabile. Certamente può essere il caso di ripeterla, se gli elementi clinico-anamnestici lo ritenessero utile ed opportuno. Questo sarà il Collega che La segue a doverlo decidere. Ma non si dovrebbe scartare l'ipotesi che tutto il corteo di segni e sintomi che Lei riferisce NON dipendano da un presunto fenomeno infettivo. Ed ancora chiamo in causa il Collega Curante. Infine l'ultima nota: nella valutazione di una eventuale recidiva e/o persistenza di varicocele occorre partire da un controllo del liquido seminale accurato e ripetuto nel tempo. Questo è bene ricordarlo, quando si tenta di fare diagnosi dei Suoi disturbi...
Ci tenga informati se lo ritiene utile ed opportuno.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#40] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2006
Mi scuso se rispondo cosi tardi, eseguirò in questi giorni un ecocolordoppler a 1 anno dall'intervento per valutare la persistenza/recidiva del varicocele ma, il mio dubbio è...
eseguo anche un'ecografia per valutare l'epididimite che si era presentata in una precedente ecografia?
con l'ecografia è possibile valutare la presenza di una vescicolite o di uno stato infiammatorio essendo per ora escluso quello infettivo? Grazie
[#41] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
l'eame ecocolorDoppler dei vasi spermatici è, e deve essere, sempre correlato a quello ecografico dei testicoli e degli annessi. Vescicolite? Beh, il Suo Specialista di fiducia è l'unico in grado di decidere se sottoporLa o meno ad ecografia prostatovescicolare per via transrettale.
Ci tenga informati dell’evoluzione del storia clinica, se lo desidera.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO