Utente 163XXX
Ho 33 anni e soffro di disfunzione erettile.
Un primo incontro con un andrologo mi portò un risultato di deficit di tipo psicologico - ansioso, anche in seguito all'esame di eco doppler di cui riporto il referto
"esame condotto dopo prima e dopo iniezione intracavernosa di aprostadil 20 mcg
e dopo stimolazione genito audio visiva.Risultati.
velocità sistolica arteria cavernosa dx 5 minuti 78.1 cm/s
velocità sistolica arteria cavernosa sx 5 minuti 71.7 cm/s
velocità sistolica arteria cavernosa dx 20 minuti 62.4 cm/s
velocità sistolica arteria cavernosa sx 20 minuti 43.5 cm/s
indice di resistenza arteria cavernosa 20 minuti 1.07 dx 1.08 sx
tumescenza 100 % rigidità 90%
ottima attivazione del maccanismo corporo veno occlusivo."

dopo questa visita mi venne prescritto cialis da 5 a giorni alterni per pochi mesi, ma la cura non sortì effetti (sicuramente mi giovò il cialis ma non riuscivo lo stesso ad effettuare penetrazioni).

Quindi chiesi un consulto a un secondo androlgo che visto l'esito assolutamente negativo di tutti gli esami (l'ecodoppler fu fatto con papaverina) mi diganosticò una fuga venosa severa.
oltre agli esami strumentali, l'altro dato fuori dalla norma era la prolattina a 25.8 ng/ml
questo andrologo mi consigliò di valutare le iniezioni o addiritura la protesi.

ora il mio questito è con dei dati come quelli emersi dal primo ecodoppler è possibile che io abbia una fuga venosa severa? devo dire che dal secondo androlgo il clima è stato tutt'altro che rassicurante e i miei mancati riscontri ai test li attribuisco all'ansia e al disagio provati durante gli stessi.
Inoltre un livello di prolatina come quello può essere causa di disfunzione erettile? vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente, darei assolutamente credito al primo specialista incontrato.Personalmente,ritengo che si debba essere molto attenti prima di definire una fuga venosa,specialmente in presenza di una storia clinica e di conclusioni diagnostiche contrastanti.Cordialità
[#2] dopo  
Utente 163XXX

Iscritto dal 2010
Grazie della risposta.
ho ritenuto il parere del secondo andrologo un po' troppo netto anche perchè a livello masturbatorio non ho mai avuto problemi è più una questione di eccitabilità visiva e in presenza della donna.
Ma per mia tranquillità, e per togliermi comunque il dubbio dalla mente e come ho letto dire da alcuni di voi "accettrare la diagnosi" (si lo so che non si dovrebbero mai sindacare i pareri dei medici ma purtroppo la testa lavora e lavora al di là della volontà)
secondo voi il tracciato dell'eco color power doppler è nella norma?
[#3] dopo  
Utente 163XXX

Iscritto dal 2010
nessuno?