Utente 310XXX
Gentili Signori Medici,
ho necessità di sottopormi a gastroscopia e colonscopia per problemi intestinali e sospetta celiachia. Tuttavia essendo allergica a numerose sostanze come acido benzoico (e tutti i derivati, quindi con attenzione agli anestetici, ai PABA, etc), lattice, resina epossidica ( e propoli!) , balsamo del Perù, Colofonia e a molte sostanze in natura, ho trovato numerose resistenze tra i medici che dovrebbe effettuare tali esami in una sola seduta.

Il problema è che vorrei effettuarli in sedazione profonda e m i dicono che per questo esiste solo il Diprivan (Propofol) vietato a chi ha allergie alle arachidi, alla soia e all’uovo.
Il Prist per Ige specifiche che ho effettuato per le arachidi mi da 0,9 (ma non posso mangiarne più di una decina e mi viene mal di stomaco), alla soia sono intollerante (cytotest) e l’uovo proprio non lo tollero (diarrea istantanea). Premetto che sono stata operata di cistifellea e con i dovuti accorgimenti (sala operatoria latex free e anestetico adeguato) non ho avuto problemi.
La sedazione leggera con valium è impossibile (valium contiene acido benzoico a profusione!).

L’altro problema – sempre connesso – riguarda la colonscopia che i medici sopracitati hanno consigliato di fare “virtuale” ma anche lì….. problemi. Un caso come il mio non gli è mai capitato! Ma per questo ho postato il quesito all'allergologo perchè non si tratta di anestesia ma di lassativi.

Il mio quesito è: Esiste solo il Propofol per la sedazione profonda ?

Mi scuso ma ho bisogno di un supporto tecnico professionale. La mia patologia è veramente invalidante, specie psicologicamente.
Grazie ancora e buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, effettivamente il Propofol è il farmaco di scelta per gli esami in sedazione, per le sue caratteristiche di maneggevolezza e sicurezza, che garantiscono una sedazione (meno perciò di una anestesia), ma confortevole per il paziente. Certo si potrebbe fare altro, ma si corre il rischio di fare o troppo poco, non garantendo lo stesso confort, o di fare troppo, una anestesia generale sarebbe sproporzionata. Penso che la cosa migliore sia una decisione concertata tra allergologo ed anestesista, anche perchè mi viene il dubbio che, ciò che Lei chiama intolleranza, possa non essere una vera allergia.Aggiungo inoltre che le consiglio di non fare i due esami insieme, se esegue la colonscopia tradizionalmente, perchè le si dovrebbe somministrare molto più farmaco e ci potrebbero essere problemi di posizione a seconda delle abitudini dell'endoscopista.
Un saluto
[#2] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2007
Gentile dr.ssa Martin,
La ringrazio prima di tutto per la celerissima risposta. Già ieri mi sono messa in moto per valutare l'effettuazione dei due esami separatamente. La gastroscopia fatta transnasale (che non richiede anestesia e sembra sopportabile) e la colonscopia virtuale per accertare qualche disfunzione. Se poi si trovassero polipi o altro e ci fosse bisogno di farla in sedazione sono dell'idea - come mi ha consigliato Lei stessa - di valutare con la mia allergologa la possibilità di fare il test cutaneo per il Propofol (come avvenne per la carbocaina del dentista). Perchè in ogni caso prima o poi ne potrei aver bisogno e devo essere pronta.
Rimane il problema della preparazione alla Colon, sia Gastrografin che lassativi contengono principi che mi sono vietati. Ma questo è il quesito che ho posto ai Suoi colleghi della sezione allergologia.
La ringrazio ancora molto e Le auguro buon lavoro
Marina