Utente 310XXX
Gentili Signori Medici,
ho necessità di sottopormi a gastroscopia e colonscopia per problemi intestinali e sospetta celiachia. Sono allergica a numerose sostanze come P-fenilendiamina (quindi acido benzoico e tutti i derivati con attenzione agli anestetici, ai PABA, etc), lattice, resina epossidica ( e propoli!) , balsamo del Perù, Colofonia e a molte sostanze in natura. Ho fatto i test cutanei per l’anestesia locale e posso adoperare solo carbocaina al 2% senza conservanti e senza adrenalina.
Per tali motivo ho trovato numerose resistenze tra i medici che dovrebbe effettuare tali esami endoscopici.
Il problema è che vorrei effettuarli in sedazione profonda e m i dicono che per questo esiste solo il Diprivan (Propofol) vietato a chi ha allergie alle arachidi, alla soia e all’uovo.
Il Prist per Ige specifiche che ho effettuato per le arachidi mi da 0,9 (ma non posso mangiarne più di una decina e mi viene mal di stomaco), alla soia sono intollerante (cytotest) e l’uovo proprio non lo tollero (diarrea istantanea). Premetto che sono stata operata di cistifellea e con i dovuti accorgimenti (sala operatoria latex free e anestetico adeguato) non ho avuto problemi.
La sedazione leggera con Midazolam, Flumazenil è impossibile (contengono acido benzoico ). Vorrei sapere gentilmente con la mia allergia quali alternative avrei. Fare nuovamente i test cutanei per verificare l’allergia al Propofol? Forse in ultima analisi la gastroscopia nasale.

L’altro quesito- sempre connesso – riguarda la colonscopia che i medici sopracitati hanno consigliato di fare “virtuale” ma anche lì….. problemi. Un caso come il mio non gli è mai capitato!
Per evitare al paziente noiose preparazioni intestinali adoperano come contrasto Gastrografin o Gastromiro ma questi prodotti (come tutti quelli analoghi a base di jodio )contengono diatrizoate (triiodobenzoic acid) e quindi essendomi precluso devo fare la preparazione classica. Ma tutti i lassativi da protocollo contengono PEG (polietilenglicole) in più il Phospholax contiene acido benzoico e il Moviprep contiene acesulfame e aspartame a cui sono molto intollerante (drammatiche crisi di stomaco).
Il quesito è : il PEG può essere ascritto alle resine visto che quando mi diedero i risultati del patch test, l’allergologa mise tra le sostanze connesse alla resina anche metacrilati e crosspolymer ?

Mi scuso per la lungaggine ma ho bisogno di un supporto tecnico professionale. La mia patologia è veramente invalidante, specie psicologicamente, anche perchè trovo sempre un muro dal farmacista al medico non specialista, dal profumiere al semplice negoziante. Quando faccio vedere il foglio delle mie allergie (che porto sempre con me) si spaventano tutti. E io che devo fare?
Grazie ancora e buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Certamente può fare anche prima un test cutaneo con Propofol per vedere se è veramente allergica. Io personalmente credo di no.
Quindi potrebbe fare la sedazione profonda.
Non ci sono sicuramente problemi per gastrografin.
Anche per la gastroscopia potrebbe fare un test con la xilocaina e se è negativo fa tranquillamente l'esame.
Deve sicuramente eliminare il lattice.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2007
Gentile dr.Schroeder,
La ringrazio prima di tutto della celere risposta. Non mancherò di fare il test cutaneo per il Propofol che mi sembnra l'unica strada percorribile. Mentre per la xilocaina l'ho già fatto e sono positiva, quindi è da escludere come sono esclusi tutti gli anestetici locali PABA (procaina, novocainam benzocaina, etc) non mi resta che la carbocaina, testata a suo tempo. Ma per la gastroscopia non va bene.
Per quanto riguarda il mezzo di contrasto della colonscopia virtuale il Gastrografin è praticamente iodio e diatrizoate (come il Gastromiro per esempio è iodio e iopamidolo) tutti MdC derivati da una miscela di iodio e acido triodobenzoico, quindi a me vietati. Per la Preparazione all'esame endoscopico sopperirò con un digiuno di 3 giorni e lunghe sorsate di bevande sostanziose oppure con una idrocolonterapia.
Per il lattice - purtroppo - sono preparata. Porto sempre con me guanti in vinile per dentista, ginecologo o altre eventualità. E' ovvio che in una sala operatoria va fatta attenzione anche a tubi endotracheali, cateteri, mascherine etc. E ogni volta che ho un incontro medico specialistico sto molto attenta.
Per ultimo - e mi scuso della lungaggine - che mi può dire del quesito PEG che riportavo in calce alla mia richiesta?
La ringrazio molto per la disponibilità e Le auguro buona serata
31045
[#3] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non vedo nesun problema con il Peg, anche perche esiste una differenza tra i risultati del patch test e l'assunzione delle sostanze, i meccanismi patogenetici sono differenti e uno non vale l'altro.
I cateteri non sono comunque in lattice.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2007
Grazie dr. Schroeder,
per le spiegazioni esaurienti e confortanti. Con la mia patologia vengono sempre un miliardo di dubbi.
Grazie ancora e buon lavoro
[#5] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Sono contento se le mie risposte hanno dato un pò di serenità.
Cordiali saluti