Utente 191XXX
Salve,

vi chiedo un parere perchè sono un po' sconfortata.

Ho, sin da quando sono nata, una diastasi dei retti addominali ed un'ernia sovraombelicale, che sino a poco fa non mi avevano dato grossi problemi.

Adesso purtroppo la situazione è cambiata. Quando tossisco o sollevo pesi l'ernia fuoriesce e devo respingerla dentro con le dita.

Il medico mi ha prescritto ecografia e visita chirurgica e mi ha detto che quasi sicuramente dovro' fare un'intervento chirurgico.

Posto che non mi spaventa l'intervento e tantomeno la cicatrice il mio timore è il seguente. Ho 26 anni, non ho ancora figli ma sicuramente ne voglio avere in futuro. Già varie persone mi hanno detto che fatto l'intervento ci si puo' scordare di portare avanti una gravidanza. E' vero?

Voglio soltanto sapere a cosa vado incontro, per poter fare ciò che va fatto con cognizione di causa.

Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Forse e' vero il contrario, e cioe' che se l'ernia non viene trattata la gravidanza non fara' che peggiorare la situazione: credo che il rischio di strozzamento sia gia' abbastanza per convincere chiunque ad operarsi, ma se tutto cio' accadesse durante una gravidanza sarebbe davvero un guaio ben peggiore.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta decisamente tempestiva.

Ma non ho capito se quindi è possibile portare avanti una gravidanza anche dopo aver effettuato questo tipo di intervento. E' così? In tal caso, ovviamente, non avrei remore.

Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Certo! Come le ripeto, e' meglio operarsi prima della gravidanza che rischiare uno strozzamento dell'ernia durante quei delicati nove mesi...
Cordiali saluti