Utente 190XXX
salve,
sono un ragazzo di 22 anni e circa tre mesi fa mi sono recato da un urologo per una visita e mi è stato riscontrato la brevità del frenulo e dunque sono stato messo in lista per l'operazione.
Un mese più tardi, da un giorno all'altro, le vene sul mio pene si sono ingrossate e io sentivo, e sento tuttora, un formicolio.
E' come se il mio pene fosse sempre intorpidito e anche la pelle secondo me si presenta in modo strano al tatto, come se fosse molto più morbida.
Dal giorno dopo in poi ho cominciato a perdere le mie erezioni spontanee, che prima erano molto frequenti durante la giornata.
Alla mattina quando mi sveglio e quando sono in presenza della mia fidanzata, ho l'erezione ma molto debole rispetto a prima, faticando per mantenerla.
Dunque mi sono recato di nuovo dal mio urologo elencandogli i miei problemi e dopo una rapidissima occhiata mi ha detto che le vene sono normalissime così come la pelle e mi ha risposto che a 22 anni è impossibile avere problemi di erezione e che sicuramente deriva da un periodo di stress o dall'agitazione dell'intervento, dunque mi ha detto di aspettare la fine dell'intervento e poi al massimo mi avrebbe messo in contatto con una sessuologa.
Però a me sembra un problema di circolazione del sangue o adirittura della prostata perchè quando riesco ad evere un'erezione e ultimamente non è cosi facile sento che questa è molto debole non è più come prima, anche quella del primo mattino, e sento il mio pene intorpidito quasi non facesse parte del mio corpo, quasi una cosa a parte.
E' possibile che sia un problema di prostata?? Come mi devo comportare?? Vi ringrazio in anticipo per la vostra risposta.
Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
di qua posso dare solo ragione al collega che l' ha visitata. Spesso i sintomi che dice lei sono ansiosi e si chiamano pseudoanestesia del pene e del glande. Ne parli col collega.
[#2] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la velocissima risposta, ma quello di cui sta parlando lei è un sintomo psicologico giusto??
e può apparire così da un giorno all'altro?? Comunque adesso aspetterò l'esecuzione dell'intervento dopodichè se il sintomo persiste mi rivolgerò di nuovo all'urologo.
La ringrazio di nuovo cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
La ringrazio per la velocissima risposta, ma quello di cui sta parlando lei è un sintomo psicologico giusto?? ESATTO


e può apparire così da un giorno all'altro?? TIPICO