Utente 190XXX
salve,
sono un ragazzo di 22 anni e circa tre mesi fa mi sono recato da un urologo per una visita e mi è stato riscontrato la brevità del frenulo e dunque sono stato messo in lista per l'operazione.
Un mese più tardi, da un giorno all'altro, le vene sul mio pene si sono ingrossate e io sentivo, e sento tuttora, un formicolio.
E' come se il mio pene fosse sempre intorpidito e anche la pelle secondo me si presenta in modo strano al tatto, come se fosse molto più morbida.
Dal giorno dopo in poi ho cominciato a perdere le mie erezioni spontanee, che prima erano molto frequenti durante la giornata.
Alla mattina quando mi sveglio e quando sono in presenza della mia fidanzata, ho l'erezione ma molto debole rispetto a prima, faticando per mantenerla.
Dunque mi sono recato di nuovo dal mio urologo elencandogli i miei problemi e dopo una rapidissima occhiata mi ha detto che le vene sono normalissime così come la pelle e mi ha risposto che a 22 anni è impossibile avere problemi di erezione e che sicuramente deriva da un periodo di stress o dall'agitazione dell'intervento, dunque mi ha detto di aspettare la fine dell'intervento e poi al massimo mi avrebbe messo in contatto con una sessuologa.
Però a me sembra un problema di circolazione del sangue o adirittura della prostata perchè quando riesco ad evere un'erezione e ultimamente non è cosi facile sento che questa è molto debole non è più come prima, anche quella del primo mattino, e sento il mio pene intorpidito quasi non facesse parte del mio corpo, quasi una cosa a parte.
E' possibile che sia un problema di prostata?? Come mi devo comportare?? Vi ringrazio in anticipo per la vostra risposta.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
di qua posso dare solo ragione al collega che l' ha visitata. Spesso i sintomi che dice lei sono ansiosi e si chiamano pseudoanestesia del pene e del glande. Ne parli col collega.
[#2] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la velocissima risposta, ma quello di cui sta parlando lei è un sintomo psicologico giusto??
e può apparire così da un giorno all'altro?? Comunque adesso aspetterò l'esecuzione dell'intervento dopodichè se il sintomo persiste mi rivolgerò di nuovo all'urologo.
La ringrazio di nuovo cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
La ringrazio per la velocissima risposta, ma quello di cui sta parlando lei è un sintomo psicologico giusto?? ESATTO


e può apparire così da un giorno all'altro?? TIPICO