Utente 191XXX
Salve,
sono un ragazzo di 27 anni,ed ho da diverso tempo problemi sessuali. Il primo è che non riesco a raggiungere un erezione "completa",dopo un iniziale erezione questa tende a calare dopo pochissimo tempo.Penso di avere anche problemi di eiaculazione precoce, sia durante la masturbazione che nei rapporti sessuali, che difficilmente riesco a portare a termine. Circa 1 anno e mezzo fa mi sono sottoposto ad un operazione di frenuloplastica per frenulo corto,dato che provavo anche dolore durante il rapporto, e l'andrologo mi disse che l'operazione mi avrebbe aiutato anche con gli altri problemi.Dopo l'operazione non ho piu dolore, ma il resto dei problemi è rimasto.
Ho provato ad avere rapporti senza preservativo, ed il 90% delle volte arrivo all'orgasmo dopo brevissimo tempo, con il preservativo la percentuali scende di poco, ho provato ad usare allora un preservativo ritardante e cosi 1 volta su 3 riesco a finire il rapporto dopo la mia partner, ma non è la regola.
Ho notato anche che la quantita di sperma con l'orgasmo non è molto elevata, non saprei essere piu preciso anche perche non so lo "standard", ma non mi sembra normale.
Mi sono recato allora da un altro andrologo, spiegando il problema, ma ho avuto ben poca "attenzione", difatti dopo pochi minuti che spiegavo il problema questo mi ha liquidato dicendomi che ho problemi di ansia e mi ha prescritto un farmaco per l'eiaculazione precoce, di provare quello e in caso ci fossero ancora problemi di tornare tra qualche mese.
Diciamo che sicuramente il sesso mi mette un po di ansia, nel senso che non sono molto tranquillo del mio copro e ho spesso paura di deludere il partner, ma non credo che sia solo quello il problema.
Mi consigliate di provare il farmaco prescritto o fare prima qualche altro esame che possa escludere altri problemi? Anche perche resterebbe il problema dell'erezione.
Devo tornare da lui o mi consigliereste un altro andrologo a roma?
Scusate la lunchezza ma ho cercato di essere il piu preciso possibile.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
ha la ventura che chi le risponde, cioè me, ritiene che che la terapia debba essere condivisa fra medico e paziente. pertanto nel caso di poblema psicogeno èsiste sì il farmaco, ma esiste anche una psicoterapia. Ne parli col collega, per valutare le varie poswsibilità Di qua nomn posso entrare nelle dinamiche di una visita.
Andrebbe noltre come dice lei, giustamente approfondito il problema erettile, di cui nulla sa. Quello che le consiglio è pertanto di rivolgere queste domande al suo andrologo in maniera molto diretta.
[#2] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Grazie della sua risposta.
Anche secondo me la terapia dovrebbe essere condivisa, io non sono contrario a prendere dei farmaci, ma vorrei prima capire da cosa potrebbe dipendere il problema, e una volta sicuro che sia solo un problema psicologico, se non ci fossero alternative migliori allora provare con quello.Il fatto è che non mi sembra di aver avuto modo di spiegare bene i sintomi in modo da poter capire le cause, di non essere stato ascoltato abbastanza, e soprattutto aver ricevuto poche spiegazioni in merito.Non voglio dire che il suo collega non sia un buon professionista, ma diciamo che non ho chiarito i miei dubbi in merito. Per questo mi chiedevo se fosse il caso di provare con un altro specialista, o magari tornare da lui prima di prendere medicinali e chiedere maggior "attenzione" nel colloquio iniziale. Oppure provare prima questo medicinale e vedere se effettivamente risolve almeno quella parte dei problemi.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Buona norma è riferisrsi al collega che l' ha visitata, qualora non riuscisse ad ottenere le risposte volute aggiorni pure, che si provvederà ad indirizzarla al meglio0.
[#4] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Proverò a chiedere ulteriori spiegazioni,sperando che sappia spiegarmi le altre possibilità e capire insieme i problemi, oltre a trovare il miglior modo per risolverli.
Spero che risolva isieme a lui, altrimenti chiederò sicuramente consiglio anche qui.
Grazie ancora della disponibilità, vi auguro buona lavoro.