Utente 191XXX
Gentilissimi dottori,
Ho 25 anni, pratico sport e cerco di avere una corretta alimentazione. Vorrei chiedere consulto su alcuni problemi. Il primo è l'eiaculazione precoce: Fino a poco tempo fa, non mi sono mai preoccupato troppo, poichè nonostante il primo rapporto fosse sempre breve (anche meno di 30 secondi), il secondo e i successivi erano molto lunghi (anche più di mezz'ora) e quindi riuscivo comunque ad avere un'ottima vita sessuale. Dopo circa sette mesi dall'ultima partner, e periodo nel quale non ho avuto rapporti sessuali, ora con la nuova ragazza il disturbo è cambiato. L'EP si è estesa anche al secondo rapporto e talvolta anche al terzo e inoltre sporadicamente senza penetrazione con solo "strofinamento" esterno, anche con i vestiti per intenderci, con conseguenti difficoltà e frustrazioni connesse, anche perchè, schiettamente parlando, non sempre abbiamo il tempo, il luogo adatto e l'energia necessaria per poterlo fare 4 volte!!Vorrei precisare che mi succede anche durante la masturbazione, anche se in minore entità e che riesco a trattenere l'eiaculazione, per una decina di secondi circa ma non di più, pratica comunque inutile perchè poi perdo comunque l'erezione.
Da questo punto mi collego al secondo problema: tranne alcuni casi sporadici, e principalmente se il rapporto è breve, non provo piacere prima di eiaculare, non ho la così detta fase di plateau.
Il terzo e ultimo problema invece è un po' particolare e riguarda l'utilizzo dei preservativi. Quelli classici mi provocano una perdità parziale erezione con impossibilità di penetrazione, cosa che migliora con gli ultrasottili ma ultimamente anche con quelli, mentre i ritardanti quasi accentuano l'EP. Senza preservativi invece non ho mai alcun tipo di problema erettile.
Ora premesso che sono intenzionato ad effettuare una visita andrologica, vorrei però prima avere un parere da voi riguardo alle possibili motivazioni, in particolare sull' estensione del problema dal primo rapporto ai successivi e sull'assenza della fase di plateau.

Ringrazio e porgo cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Dal suo racconto,abbastanza dettagliato,si potrebbe ritenere che il verificarsi di eiaculazioni precoci anche nei rapporti successivi al primo e,soprattutto,le erezioni non complete a di breve durata siano il sintomo di una infezione/infiammazione della prostata e/o delle vescicole seminali.Disturbi che si accentuano ovviamente con l'uso del profilattico.Si rivolga ad un andrologo di sua fiducia per una visita accurata ed una terapia adeguata.
[#2] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio innanzitutto per la risposta precisa. Secondo lei la quasi totale assenza della fase di "piacere" pre-eiaculatorio è una conseguenza diretta dell'EP dovuta alla probabile infiammazione che diciamo innesca quasi istantaneamente il riflesso eiaculatorio?
[#3] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Proprio così
[#4] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
... ne segue che tecniche come "start and stop" o il metodo "Masters e Johnson" per me sarebbero totalmente inutili o comunque associate alla terapia potrebbero velocizzarne l'efficacia? Se venisse eventualmente confermata la sua ipotesi, a cosa potrebbe esser dovuta questa infiammazione che comunque non ha altri sintomi oltre all'EP?

grazie ancora.
[#5] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Da evitare qualsiasi pratica tipo"start and stop"tendente a ritardare l'eiaculazione.Comportamenti del tipo coito interrotto sono infatti possibili cause di congestioni e flogosi batteriche o abatteriche.Si faccia visitare da un andrologo di sua fiducia che potrà prescriverle le analisi opportune a conferma dell'ipotesi diagnostica.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Fina che mi ha preceduto, se desidera poi avere altre informazioni su questa frequente disfunzione sessuale le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html .

Un cordiale saluto.

[#7] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio Dr. Beretta, ho già letto e stra letto quello e molti altri articoli. Posso chiederle se lei conosce un buon andrologo esperto a Torino?

grazie
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Per queste informazioni particolari e non di interesse generale può consultare da solo altre sezioni del sito dove può trovare un eventuale aiuto nella ricerca di un esperto andrologo nella sua città.

Comunque, in questi casi, prima bisogna sentire in diretta il suo medico di fiducia che meglio di noi conosce la reale situazione sanitaria del territorio in cui lei vive.
[#9] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Gentili dottori,

oggi mi sono recato ad una visita andrologica in merito al problema sopra descritto. Alla visita il medico non ha riscontrato problemi, tranne un ipotrofismo dei didimi che comunque non è correlabile con il disturbo eiaculatorio. Per l'ipotrofismo mi ha consigliato un'analisi del seme e dei livelli di testosterone, LH,FSH,TSH e prolattina. Mentre per l'EP mi ha detto di assumere anafranil nella dose di 10mg al giorno per tre mesi... ed eventualmente di consultare successivamente un sessuologo se non migliora. Vorrei sapere se anche secondo voi l'uso di questo farmaco potrebbe risolvere il problema, poichè ho un po' paura ad assumere questo antidepressivo per via degli effetti collaterali (ammesso che è uno di questi che si intende sfruttare per la risoluzione del problema eiaculatorio) che temo possano essere superiori ai benefici che ne traggo, sopratutto una volta trascorsi i 3 mesi...e se poi funzionasse ma diventasse indispensabile per avere una vita sessuale provocando quindi una sorta di dipendenza psicologica?non potrei accettarlo...cosa ne pensate?

Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il farmaco indicato è un antidepressivo triciclico che può essere indicato, dopo una attenta valutazione di tutta la sua situazione clinica, per il suo problema specifico.

Se comunque ha dei dubbi sull'indicazione terapeutica ricevuta allora bisogna risentire in diretta il suo andrologo e con lui ridiscutere se ci sono altre indagini o terapie da seguire.

A questo proposito le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/210-dapoxetina-nuovo-farmaco-trattamento-eiaculazione-precoce.html .

Un cordiale saluto.


[#11] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio per la risposta cortese. da questo punto di vista direi che è stato prescritto frettolosamente, e' possibile escludere una congestione infiammatoria pelvico-prostatica senza un ecografia apposita?(che non mi è stata prescritta)

Cordiali saluti
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Difficile una diagnosi solo clinica e una valutazione ecografica è sempre consigliabile.