Utente 182XXX
salve, vi chiedo un consulto perchè ho un problema: i miei denti da un anno e mezzo a questa parte si sgretolano.
ho perso due denti(il primo premolare dx,primo molare sx inferiore) e un altro propio ieri ha cominciato a fare la stessa cosa(il secondo premolare di dx).
cominciano a spezzarsi in piccoli pezzi per poi rompersi del tutto fino ad avere solo la gengiva visibile.
La cosa che non capisco è che non ho nessun tipo di dolore ne ascesso a quei precisi denti prima che si sgretolino; cio avviene dopo.
dove invece ho avuto un ascesso non si è rotto.
è una patologia?
purtoppo non son riuscita a consultare un dentista per i prezzi alti essendo disoccupata, la pratica per l'esenzione è in corso ma in ogni modo i tempi di attesa sono alti.
nel frattempo senza dubbio perderò anche questo dente.
sperando in un vostro consiglio porgo
cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività +28
16 attualità +16
16 socialità +16
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile utente purtroppo con questo mezzo non possiamo darle molti aiuti se non sollecitarla alla visita odontoiatrica che l'unico modo per stabilire la causa dei suoi problemi.
[#2] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
grazie per la risposta
esiste una patologia con questi sintomi?
data la mia giovane eta(21) e la cura igenica che ho sempre effettuato sui miei denti non trovo un motivo diverso se non una patologia.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività +28
16 attualità +16
16 socialità +16
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
La nostra risposta aspecifica è dovuta al fatto che diversi condizioni possono determinare i disturbi che ci descrive.
[#4] dopo  
Dr. Lorenzo Ricapito
24% attività +24
12 attualità +12
12 socialità +12
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Da come lei descrive, deduco che sia preda di una malattia molto distruttiva dei tessuti calcificati dentali, malattia che colpisce almeno l'80% della popolazione mondiale e che va sotto il nome di CARIE.
I denti maggiormente colpiti da carie dopo i 18 anni sono proprio i premolari e la localizzazione più frequente è la sede interdentale, cioè quella che è a contatto con il dente vicino, davanti o dietro che sia, con la particolarità, peraltro, di contagiarlo.
Tutto questo (che ne dice?) può essere una buona ragione per cercare di contattare, privatamente o tramite assistenza pubblica, un odontoiatra?
La caratteristica, poi, di non avere sintomi prima della "deflagrazione" dello smalto ormai indebolito dalla carie sottostante, questa sua particolarità non è rara e, secondo me, molto negativa: purtroppo per i suoi denti lei non riceve nessun "allarme" dall'intrusione della carie e quindi, quando se ne accorge, spesso è troppo tardi.
Qual è il rimedio per non distruggersi presto tutta la sua dentatura? Curare ciò che di malato possiede attualmente nel suo cavo orale, fare visite periodiche di controllo in modo da lasciare all'occhio esperto di un odontoiatra la possibilità di intercettare sul nascere eventuali altre carie, evitare di lasciare che gli zuccheri agiscano sullo smalto dei suoi denti soprattutto quando lei non dovesse essere in grado di spazzolare immediatamente dopo la loro assunzione in qualsiasi loro forma (caramelle, cioccolate, brioches, caffè dolce, the dolce, biscotti, nutella, ecc.......).
Cordiali saluti.