Utente 192XXX
sono un ragazzo 20enne che pratica sport a livello agonistico.
Il primo febbraio 2011 ho effettuato le visite per la selezione per accedere come Militare presso l'Esercito Italiano.
Alle visite,facendomi l'ECG, mi hanno riscontrato "un'aritmia extrasistolica ventricolare trigemina",la quale mi ha ovviamente negato l'idoneità al servizio militare.
Preoccupato,e non le nascondo anche un pò scettico dato il mio curriculum di salute,sono andato da un cardiologo il quale ripetendomi l'esame mi ha trovato "un'aritmia sinusale respiratoria" e una frequente "aritmia extrasistolica ventricolare alta". Ho effettuato successivamente prova sotto sforzo ed ecografia,i quali hanno riscontrato la reale presenza di questa aritmia senza spiegarne la causa.
Le volevo chiedere,dato che per ottenere l'idoneità al servizio militare,quest'aritmia deve essere di frequenza inferiore ai 100/h,in che modo potevo risolvere,se pur temporaneamente,il problema.
La mia preoccupazione è puramente legata alla visita dell'Esercito,dato che,a dire del cardiologo,per la mia salute non ci sono problemi.

Ringraziando in anticipo porgo cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La presenza di extrasistoli va ovviamente indagata ma lei non riporta se sotto sforzo le aritmie scompaiano o meno. Questo è una dato importante, così come è importante che lei esegua un Holter cardiaco della 24 ore per valutare quante extra lei ha al giorno e di che tipo. Cwordilt
Cecchini
Www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 192XXX

Iscritto dal 2011
ho effettuato stamattina l'esame sotto sforzo e le aritmie non scompaiono.
Per quanto riguarda l'Holder cardiaco delle 24h,lo sto portando attualmente.
Mi stavo informando su alcuni farmaci,anche se ovviamente attenderò il giudizio di un cardiologo,volevo sapere se grazie appunto a questi farmaci (beta bloccanti mi sembra si chiamino,riesco a diminuire almeno sotto i 100/h queste aritmie.
Ringraziando per la risposta porgo cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Si il beta bloccante è un buon farmaco, ma sarebbe importante capire perché una persona di 21 anni abbia aritmie. Ovviamente spero che lei non fumi, altrimenti è del tutto inutile. Cordialità . Cecchini
[#4] dopo  
Utente 192XXX

Iscritto dal 2011
Non fumo,non bevo e faccio parecchio sport.
Il fattore ancora più strano è che fino a 7 mesi fa non mi è stato riscontrato assolutamente nulla e venirlo a sapere nonostante abbia particolarmente a cuore la mia salute è stata una (brutta) sorpresa.
Leggendo in giro mi è balzato negli occhi anche la possibilità che una delle cause possa essere dovuta all'ansia o allo stress e nervosismo.
Considerando che sono parecchio nervoso per questi concorsi,potrebbe essere legato a questi fattori la nascita di queste aritmie?
Nel caso iniziassi una cura con il beta bloccante,quanto tempo impiegherebbero per farmi arrivare il numero delle aritmie inferiori alle 100/h visibili da un comune ECG?

Ringraziandola le porgo cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Poche ore. Ma questo non è il concetto. A 21 anni deve sapere se abbia problemi cardiaci o meno. Il resto eè relativo. Faccia come crede. Arrivederci.
Cecchini
www.cecchinicuore.org