Utente 192XXX
buongiorno, desidero chiedere consiglio in merito alla mia situazione : nel 2009 in seguito a turbe dell'equilibrio, ronzii e cefalee mi sono rivolta al neurologo che ha riscontrato dopo risonanza magnetica cerebrale molteplici e minuscole ischemie cerebrali, ho eseguito altri esami che hanno evidenziato una pervieta' del forame ovale con shunt dx sx e aneurisma del setto interatriale, probabile causa delle ischemie. Eseguita chiusura percutanea con protesi cardia 1 anno fa. Ho eseguito ecocolordoppler cardiaco di controllo post operatorio e risulta : tendenza al prolasso valvola mitrale E maggiore di A. Faccio presente che 4 anni fa sono stata sottoposta a quadrantectomia per carcinoma mammella invasivo, linfonodi negativi, interrotta chemio cmf per alta tossicita', dopo radioterapia attualmente terapia ormonale con aromasin ( sbalzi ca 15.3 con punte a 46 e rientri). sono ipertesa da diversi anni e colesterolo alto. lieve stenosi carotide al 35 %.Attulmente i miei sintomi sono :cefalee, ronzii,batticuore frequente sia a riposo che dopo sforzo e senso di mancanza d'aria in posizione supina. i miei farmaci sono : AROMASIN, METOPROLO 100 MG 2 AL DI, CARDIOASPIRINA, CRESTOR 10 MG, PRAZENE. Chiedo gentilmente un parere, un consiglio e inoltre se esiste un nesso tra i farmaci che sto prendendo e i problemi del mio cuore.In attesa ringrazio e porgo i miei piu' cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Da quello che lei riporta ,a parte il difetto sel setto interatriale che è stato corretto, è perfettamente normale ( il rapporto E maggiore di A è la norma....)." tendenza al prolasso" poi non ha alcun significato cardiologico.
Cordialità. Cecchini
[#2] dopo  
Utente 192XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dott. Cecchini, ringrazio per la sua risposta che mi rassicura ma mi chiedo perche' il cardiologo che ha eseguito il mio esame abbia scritto una frase che puo' creare ansia, io, come penso la maggior parte delle persone che si rivolgono ad un medico, non sono in grado di capire il vero significato di una ''diagnosi'' di : ''tendenza al prolasso''.Distinti saluti...
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non lo chieda a me. Anche se avesse davvero avuto un prolasso mitralico non avrei compreso tutta questa ansia che traspare dalla sua lettera.
Buona serata
Cecchini
www.cecchinicuore.org