Utente 192XXX
mio figlio e' in cura da due anni con un vacino sublinguale dell alk.abello' per un'allergia alle graminacee.
non avendo visto miglioramenti significativi e dopo aver rifatto i prick test a cui e' risultata adesso anche un'allergia importante all'ulivo a cui in 15 anni e' stato sempre negativo mi chiedo se sia il caso di interrompere il tutto.
il medico ritiene si debba introdurre anche il vacino per l'ulivo con conseguente dispendio di costi gia' veramente onerosi.
Io nutro seri dubbi sull'efficacia.
Posso cortesemente aver un consiglio ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Generalmente consigliamo il vaccino per 3-5 anni e spesso in forma pre-costagionale, non per tutto l'anno. Certamente se non si hanno miglioramenti dopo 2 anni potrebbe anche sospendere e fare solo la terapia antistaminica per vedere come sono i sintomi.
La fioritura dell'ulivo è breve ma dipende dalla zona dove vive e dall'esposizione.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 192XXX

Iscritto dal 2011
GENT.DOTTORE,
INNANZI TUTTO LA RINGRAZIO PER LA RISPOSTA.
MI POTREBBE DIRE IN QUALI MESI SAREBBE OPPORTUNO PRENDERE IL VACCINO ?
CONSIDERI CHE VIVIAMO IN SARDEGNA....E CHE PURTROPPO IN QUESTO MOMENTO GLI ALBERI CE LI ABBIAMO TUTTI LUNGO I MARCIAPIEDI SOTTO CASA.
LA RINGRAZIO NUOVAMENTE.