Utente 181XXX
salve,
dopo un anno di visite da medici senza alcun risultato ho voluto provare a chiedere qui, ho visto che di solito non azzardate diagnosi ma spero possiate capire qualcosa.

da oltre tre anni ho soffro di disturbi visivi: vedo una patina di polvere luminosa (o comunque chiara) in continuo movimento (simile al rumore video su una trasmissione televisiva analogica) che con il passare del tempo è aumentata di densità,nei due anni successivi ho fatto visite oculistiche presso diversi oculisti e concordavano che non avessi alcun problema e 10/10 di vista; da 3 mesi a questa parte però mi ritrovo nella condizione di avere ogni giorno (cosa strana più o meno alla stessa ora) una riduzione della vista nel senso che ogni giorno vedo le cose più piccole e distanti e non sfocate con dolore agli occhi e alle palpebre e la permanenza della patina di polvere ed ad un alterazione della dimensione degli oggetti fra i due occhi mutevole nella stessa giornata.
Ho allora fatto visite oculistiche, fondo oculare ed esame del campo visivo senza alcun risultato concordando tutti che non ho alcun problema e che a tuttora ho 10/10 di vista nonostante non sono riuscito a leggere dopo la sesta riga dell test e che con qualunque occhiale mi abbiano provato la situazione peggiorava.
Attualmente ho fatto analisi complete ed è tutto nella norma, io sono vegetariano e non mangio ne carne ne pesce; fino a sette anni fà soffrivo di ipertitroidismo guarito dopo una terapia con il tapazole, di altri disturbi ho:
- sempre da tre anni un fischio persistente nell'orecchio sinistro per cui ho fatto diverse visite specialistiche da cui è risultato tutto nella a posto con ipotesi del medico che forse era dovuto all'ansia.
- sempre da circa tre anni dolore alle tempie ed alla fronte continuo seppur sopportabile che però mi impedisce quasi completamente di studiare o a mantenere l'attenzione.
- la luce mi da molto fastidio ma sesnza una forte luce non distinguo bene ( da precisare che fino ad un anno fà avevo un'ottima visione notturna anche con illuminazione quasi nulla).
- da qualche mese i rumori e soprattutto le voci mi danno fastidio ed alcune volte ho senzazioni di vomito senza poi vomitare effettivamente.
- problemi a prendere sonno a causa della patina luminosa e del fischio, non conoscendo più da tre anni cosa siano il silenzio ed il buio, con successivo risveglio stanco e con gli occhi doloranti come se non avessi dormito.

per il dolore alla testa ho fatto visite neurologiche con diario dell'emicrania e terapia (non ricordo i farmaci) per 40 giorni prima e 15 successivamente senza alcun risultato con sintomatiche nei 40 giorni,a detta deh neurologo, non corrispondenti ad emicranie o cefalee.

spero sappiate darmi una risposta, inoltre volevo chiedere se a seguito di una perdita visiva c'è possibilità di recupero della vista originaria dato che da ricerche su internet ho trovato solo risposte negative
grazie
[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera,più che una risposta che le chiarisca le idee e forse possibile fare un ragionamento, il suo sembra più un problema interdisciplinare con acufeni (fischi all'orecchio), fotofobia con annebbiamenti visivi, emicrania e disturbi gastrointesinali (vomito), questi sintomi potrebbero essere legati a problemi circolatori spesso dovuti a somatizzazioni di stati emotivi legati ad ansia o stress, ma è solo una ipotesi che va verificata. Non dimentichi di controllare anche la tiroide.

cordialmente
[#2] dopo  
Utente 181XXX

Iscritto dal 2010
se così fosse cosa dovrei fare per verificare questa ipotesi e in questo caso il difetto visivo può essere recuperato o no? chiedo questo perchè il difetto visivo stà diventanto un problema serio.

grazie
[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Dovrebbe forse parlarne con il suo medico curante, raccontargli i suoi sintomi ed insieme decidere la figura professionale più idonea.

cordialmente