Utente 141XXX
Gentili Dottori!
Ho bisogno di un vostro parere.

La mia fidanzata ieri, purtroppo, ha avuto un incidente e si è tagliata il polpastrello, si è staccato un lembo di carne (la punta) di quest'ultimo, non so quanto sia grande perchè ancora non l'ho potuto vedere, perchè purtroppo abitiamo lontani ma me l'ha spiegato un pò lei.
Ha avuto un sanguinamento fortissimo, al punto tale che non riusciva a fermare l'emorragia, è andata al pronto soccorso e le hanno fatto una medicazione molto stretta, senza mettere punti perchè hanno detto che non si potevano mettere.
Ora oggi andrà a fare la visita dal suo medico di base e dobbiamo vedere cosa le dice.
Nel frattempo gradirei avere un vostro parere, se questa incidente può portare conseguenze alla mano, ecc.
E se per caso sia evidente il lembo di carne mancante se è possibile intervenire con una chirugia per ricostruirlo, vi ripeto non so neanche quanto sia grande questo lembo perchè non l'ho potuto ancora vedere.
Sono molto preoccupato!!
Attendo con ansia una vostra risposta.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

è impossibile darle una risposta precisa, perchè sarebbe necessario conoscere esattamente la dimensione della perdita di sostanza e la tipologia (prevalente da uno dei lati, dorsale con danno di parte dell'unghia, solo sul versante del polpastrello).

Infatti, a seconda dei casi, ma comunque se la lesione è piccola, si preferisce non fare nulla, favorendo la riparazione spontanea della lesione (guarigione cosiddetta "per seconda intenzione"), limitandosi a fare ogni 2-3 giorni le medicazioni.

Se invece la perdita di sostanza supera una certa dimensione, può essere preferibile "colmare il difetto" con interventi di chirurgia plastica (lembi omodigitali) che sono sensibili (cioè normalmente innervati), vascolarizzati e ottenuti dallo stesso dito che ha subìto la lesione.

Solo in casi particolari si utilizzano lembi etero-gigitali (cioè ottenuti da un altro dito della stessa mano).

Quando possibile, va preferito un unico tempo chirurgico.

Dubito che il medico di famiglia, a meno che non abbia una specifica conoscenza di chirurgia della mano o di chirurgia plastica, le possa dare un consiglio utile dal punto di vista tecnico.

La situazione va valutata solo dallo specialista.

Il sanguinamento abbondante, di per sè, non costituisce un problema.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 141XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille dr.Leccese per la celere risposta.

Quindi lei ritiene di rivolgersi ad uno specialista?
Dove si possono trovare specialisti in chirurgia della mano?

Lei non pensa che ce ne fosse bisogno la indirizzerebbe stesso il medico di base da un chirurgo??

Nell'ipotesi si dovesse fare un operazione, sarebbe un intervento difficile? Cioè c'è bisogno di ricovero??

Come in ogni caso non c'è da preoccuparsi giusto??

Mi scusi per le troppe domande dottore ma sono un pò preoccupato, anche perchè non l'ho vista ancora e sono in ansia.

Grazie mille.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Se ci fosse la necessità di un intervento, probabilmente si potrebbe fare in day surgery (day hospital), cioè in giornata.

Gli specialisti in Chirurgia della Mano di Salerno sono:

http://www.sicm.it/regioni_soci.html?sigla=%28SA%29&re=4

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 141XXX

Iscritto dal 2010
Grazie Dr.Leccese per la sua disponibilità!!!

Cordiali saluti e grazie ancora!!!
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Buona notte !