Utente 461XXX
Un cordiale saluto ai gentili medici di questo sito e complimenti sinceri,
ho 35 anni e da poco tempo sono venuto a conoscenza di questo “strano” fenomeno che è la pre-eiaculazione, fenomeno a me del tutto sconosciuto perché mai, e poi mai, mi è capitato di vedermi uscire il benché minimo segno di questo fantomatico liquido pre-eiaculatorio in tutta la mia vita.
Non so se l’assenza di questa secrezione è indice di qualcosa di patologico ma, tutto sommato, sono sessualmente ben sviluppato, la mia discendenza naturale l’ho avuta, e senza problemi di sorta, e la mia vita sessuale è sempre stata perfetta, direi.
Per completare il mio quadro informativo, aggiungo, che ho subito in epoce diverse un intervento di varicocele ed uno di frenuloplastica.

Leggo da internet che questo liquido si chiama “liquido di Cowper” dal nome delle omonime ghiandole che lo producono (chiamato anche liquido pre-eiaculatorio, preorgasmico, prostatico, prespermatico, preseminale), che la sua funzione è quella di neutralizzare l'acidità dell'urina e quindi di preparare un ambiente idoneo al passaggio del liquido seminale vero e proprio, lubrificando il “lume uretrale”, e che si manifesta durante la fase di eccitazione sessuale maschile con l’emissione di fluido che procede dall'uretra alla cima del pene.
La quantità emessa, inoltre, dipende dall'individuo e si va da quantità impercettibili ad emissioni copiose (emissioni copiose???).
Una volta scoperto questo “Vaso di Pandora” in versione andrologica, mi sono anche guardato intorno (in senso figurato ovviamente!), chiedendo ad amici e conoscenti, e con mia grande meraviglia ho scoperto che è un fenomeno diffusissimo…praticamente credo di essere se non l’unico al mondo, sicuramente uno dei pochissimi esseri umani di sesso maschile a cui non succede.

Se la sua funzione è quella succitata, e mi sembra una funzione abbastanza importante, allora la domanda mi sorge spontanea…ho qualcosa che non va, oppure è un non problema?
E poi ancora:
Se si, che cosa non funziona?
Sono privo della ghiandole di Cowper, forse?
Si può, ovvero si deve, intervenire in qualche modo?

Mi rendo conto che alla mia età i problemi correlati con la percezione della propria identità sessuale dovrebbero essere scomparsi già da tempo ma, tra il serio ed il faceto ammetto che tale mia “carenza” mi da pensare, insomma ora che lo so mi sento come se mi mancasse qualcosa, quindi sempre tra il serio ed il faceto concludo con una battuta…scusate ma io non sono mai stato un anticonformista e l’essere diverso dalla massa mi ha dato sempre fastidio!!!
Grazie in anticipo per tutto.

Marco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Genitle Marco,

Viva la sua vita (sessuale) con la naturalezza che merita e sappia (purtroppo o perfortuna) che Lei non è, un caso "eccezionale, unico o forse mondiale.." ma è proprio come la maggior parte di noi (esistono rare eccezioni..!) appartenente a questo Tempo ed a questa Terra..

La saluto cordialmente.
Dott. Luigi LAINO
Specialista Dermatologo e Venereologo, ROMA


[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Sig. Marco,...giusto per complicarLe la vita,lo sa che i testicoli non producono nemmeno una goccia di liquido seminale,ma solo spermatozoi che vi navigano,mentre tutti noi qualche volta abbiamo affermato di sentircele "piene".E lo sa che la prostata é un organo sessuale in quanto produce il 40 % del liquido seminale e,quindi serve a far figli ed a fare sesso (terribile espressione...)mentre olti pensano che abbia a che fare solo con la minzione?Potrei continuare ma,se vuole,faccia un indagine con i Suoi amici "evoluti",ponendo loro i due quesiti che ho posto a Lei,e vedrà che si risentirà nuovamente nel "gruppone" dei "conformisti".
Cordiali,simpatici,saluti
[#3] dopo  
Utente 461XXX

Iscritto dal 2007
Gentili Dottori,
vi ringrazio per le risposte molto interessanti e del tempo che mi avete dedicato.

Quindi Dott. Laino, Lei afferma, e non ho nessuna intenzione di dubitarne, che le eccezioni sono rappresentate da coloro che presentano questo "fenomeno"?
Guardi, mi creda ma, come ho scritto nella mia richiesta di consulto, quando ho chiesto in giro per informarmi tutti, o quasi, mi hanno risposto in senso affermativo ed è per questo che mi ero preoccupato.
Ora sono più sereno...beh, più sereno di prima ma non sereno del tutto.

Per quanto riguarda Lei Dott. Izzo, mi rendo conto che la mia richiesta può sembrare, e forse lo è, ridicola e che probabilmente ho tolto spazio a chi ha problemi molto seri...però mi creda che io ero del tutto all'oscuro dell'esistenza di queste secrezioni (non ho studiato anatomia) e quando l'ho scoperto per me è stato uno shock, giuro uno shock, ho pensato subito a qualcosa che non andava in me e per me era, ed è, importante sapere cosa.

E qui è il punto...non mi avete detto cosa!
Insomma, ho anche letto che molto dipende dal testosterone quindi, forse, non ne produco molto di questo ormone?

Abbiate pazienza!
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...ribadisco che Lei non ha nulla.I problemi non sono mai ridicoli ma lo diventano se un uomo se li crea sulla opinione degli altri (amici),che non ne sanno più di lui, e se non segue le indicazioni di medici che con i reali problemi vivono quotidianamente.Alla Sua età é fondamentale seguire questi dettami.
Ci aggiorni,se ritiene.
Cordialità
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Le ho solamente spiegato che entrambi i casi sono normali: non l'uno l'eccezione dell'altro.

ancora saluti.
[#6] dopo  
Utente 461XXX

Iscritto dal 2007
Dr. Izzo, mi sbaglio o mi sembra di leggere tra le righe che Lei ritiene che le persone alle quali mi sono rivolto, forse, mi hanno raccontato "balle" alle quali io ho creduto ingenuamente (per usare un eufemismo)?
Ad ogni buon conto, come da Lei sugeritomi, La terrò informato sugli sviluppi della questione anche se ormai, a 35 anni, non vedo cosa possa cambiare in me dal punto di vista fisiologico...o, molto più propriamente, si riferisce al se e al quando avrò metabolizzato questa "sega mentale" (scusi il termine) che mi sono creato?

Dr. Laino Lei è stato chiarissimo anche se, tralasciando il mio "caso" personale, qualcosa non m'è chiaro.
Se, insomma, la funzione della secrezione delle ghiandole di Cowper è quella nota, perchè si afferma che ricade nella normalità il loro non funzionamento?
Non so, magari banalizzo e chiedo scusa per l'esempio che vado ad esporre e che probabilemte non c'entra nulla (ma è l'unico che mi viene in mente), ma se parimenti una donna e non si lubrificasse durante l'eccitamento?
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...Caro Sig. Marco,certamente non é corretto (ma purtoppo é abbastanza diffuso) credere che la "normalità" sia quella espressa da amici e conoscenti.Tantomeno "corretto" é farsi delle "seghe mentali" su di un aspetto che riguarda la fisiologia dell'apparato genitale maschile.In definitiva,il non aver mai notato la secrezione delle ghiandole di Cowper,non significa essere affetti da una patologia.Si allontani dai suoi dubbi e viva la certezza di una serena vita sessuale,quale era prima di venire a conoscenza di tale aspetto,certamente parcellare,del Suo apparato sessuale e riproduttivo.Cordialità
[#8] dopo  
Utente 461XXX

Iscritto dal 2007
Un ringraziamento sincero per le voste risposte.
Cordiali saluti
Marco