Utente 901XXX
Buongiorno, ho 61 anni e da qualche tempo ho dei problemi con l'erezione. Mi spiego meglio in fase preliminare l'erezione avviene anche bene, però poi durante il rapporto man mano che aumenta il ritmo e anche la stanchezza perde di consistenza progressivamente sino a perdere completamente l'erezione. Ho notato anche, che quando il rapporto va a buon fine faccio fatica ad arrivare all'eiaculazione.
Gradirei avere una risposta a questo mio problema che come potrete ben immaginare si stà rivelando grande sino ad essere una fissazione e con la paura a provare un nuovo rapporto sessuale.
Grazie e buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,lo scontato riverbero psicologico dovrebbe essere preceduto da una rigorosa diagnosi andrologica ,anche in considerazione dell'assunto che vede la disfunzione erettile come potenziale sintoma di una malattia dismetsbolica (ipertensione,diabete etc.).Consulti un esperto andrologo .Cordialità
[#2] dopo  
Utente 901XXX

Iscritto dal 2008
Innanzitutto la ringrazio per l'immediatezza della sua risposta Dr. Izzo.
Effettivamente le ho dato un po poche informazioni su di me.
Qualche disturbo del genere che si presenta ogni tanto ce l'ho già da qualche anno, ma mai come in questo periodo (sarà anche il passare degli anni, però...)
Io soffro efftivamente di ipertensione e sono in cura con Karvezide da 150 mg, e di ipercolesterolemia, curato con Inegy 10/20.
Poi ho avuto ricorrenti prostatiti già da alcuni anni sempre curate con antibiotico, però poi si ripresentano.
Ultimamente l'urologo mi ha prescritto anche Xatral da 10 mg da assumere per almeno 6 mesi.
Sono anche un "tantino" fuori peso (alt.1,70 per Kg.88/90)
Sino a un anno e mezzo fa ero già stato per un certo periodo da un andrologo, il quale mi aveva fatto fare una serie di esami (esami sangue, ecocolordoppler, uroflussometria, ecocardio ecc.) che però risultavano nella norma. Se devo essere sincero non mi ha dato molta fiducia questo Dr. che si limitava a farmi fare esami, e a prescrivermi il Cialis da 20 mg da assumere inizialmente per alcuni mesi mezza compressa ogni 3/4gg indipendentemente dal fabbisogno, e in seguito prescritto solo al bisogno.
Ho infine cessato di recarmi da lui in quanto non vedevo risultati soddisfacenti, o perlomeno non mi argomentava sui miei problemi più di tanto.
Per questo ho scritto a Voi nella speranzxa di avere qualche nozione in più.
La ringrazio ancora e saluto cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...l'eta' cronologica ha un valore solo quando la malattia (ipertensione,obesita' etc.) non viene efficacemente curata,con particolare riguardo al sovrappeso.
L'andrologo,senza la fativa partecipazione del Paziente,puo' far poco altro...
Cordialita'.