Utente 193XXX
Ringrazio tutti in anticipo per le risposte che mi verranno fornite. Giorno 08/02/11 mi sono ferito con un taglierino al 5° dito della mano destra. Mi sono recato al pronto soccorso, dove mi è stata diagnosticata una lesione del tendine flessore e del tendine flessore profondo (erano tranciati). Sono stato operato nelle 24 ore successive, nelle quali mi sono stati ricuciti entrambi i tendini in anestesia generale e mi è stato applicato un tutore che teneva il dito curvo. Non sono avvenute complicazioni, mi è stato detto di tenere il tutore per tre settimane e poi di fare fisioterapia. Il giorno dopo sono stato dimesso. Qualche ora dopo le mie dimissioni mi sono chiesto quali rischi posso correre se lo sforzo, se riuscirò a muovere il dito come prima, se dovrò fare qualcos'altro dopo che mi sarà stato rimosso il tutore. Mi preoccupo perchè suono uno strumento e tutte le dita sono di vitale importanza. Potreste rispondermi alle domande che ho posto precedentemente? Sapete dirmi altro su queste lesioni e sulle problematiche che ne derivano? Vi ringrazio infinitamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

è praticamente impossibile darle una risposta precisa, perchè tutto dipende dal tipo di sutura (statica o dinamica) che le è stata effettuata.

Deve prima chiedere al suo chirurgo.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Vi ringrazio per esservi interessato. Di preciso non so quale sutura mi è stata applicata;sareste così gentile da indicarmi cosa succederebbe in entrambi i casi, ovvero sutura dinamica e statica?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
La sutura dinamica (in genere è presente un bottone esterno che si fissa sull'unghia o sul polpastrello), consente di cominciare cauti movimenti del dito già nei primi giorni dopo l'intervento, favorendo il recupero funzionale e limitando il rischio di aderenze tra i tendini e i tessuti circostanti.

La sutura statica, invece, non consente di muovere precocemente, per cui è indispensabile tenere fermo il dito operato fino a che il tendine non si è riparato (sono necessarie 6 settimane): ovviamente il rischio di aderenze e di rigidità del dito è molto maggiore.

Deve chiedere al suo chirurgo oppure recuperare la descrizione dell'intervento dalla cartella clinica.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Mi è stata effettuata una sutura statica e mi è stato detto di tenere il tutore per 21 giorni. Potreste ora rispondere alle domande precedenti?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Le risposte alle sue domande sono di fatto già state date.

Infatti, potrà riprendere a suonare come prima qualora:

1) non cederà la sutura tendinea.
2) non si formeranno aderenze intorno ai tendini.

Però, mentre la prima evenienza sarebbe un problema serio (richiederebbe un secondo intervento riparativo con prospettive peggiori rispetto al primo intervento), la seconda si risolverebbe con un intervento più semplice di tenolisi, cioè si rimuoverebbero le eventuali aderenze, consentendo ai tendini di scivolare nuovamente.

Il problema è che a distanza è impossibile dire esattamente come stanno le cose (per questo motivo le consigliavo di parlare con il suo chirurgo, in quanto solo lui conosce esattamente il tipo di sutura che ha eseguito).

Pertanto, non posso sbilanciarmi sul suo decorso post-operatorio: sarebbe come "tirare a indovinare".

Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Se può esserle utile a comprendere la mia sutura, me n'è stata applicata una a "Y".
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Se ho capito bene, le è stata applicata una piccola "ancoretta", che generalmente fornisce un'ottima tenuta della sutura tendinea.

Pertanto credo che non ci siano problemi circa il recupero funzionale del dito.

Sarà estremamente importante, invece, procedere in modo costante alla kinesiterapia, in accordo con le indicazioni che via via le darà il suo chirurgo.

Buona domenica.
[#8] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
la ringrazio infinitamente per le informazioni fornitemi.
[#9] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
scusatemi se la disturbo ancora. Due giorni fa mi è stato tolto il tutore e mi è stato detto di fare riabilitazione con una pallina. Il problema è che muovo molto bene falange e falangina ma la falangetta proprio non si muove. Inoltre non riesco ad estendere completamente il dito. E' normale? Posso fare qualcosa? La ringrazio in anticipo
[#10] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Continui a fare la fisioterapia: il fatto che la 2a falange si muove indica che almeno uno dei due tendini flessore tiene bene.

Il motivo per cui la falange ungueale non si muove, invece, va chiarito da parte del suo chirurgo.

L'estensione completa del dito avverrà mano a mano che prosegue con la kinesiterapia.

Cordiali saluti.
[#11] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
quale potrebbe essere, secondo voi, il problema della falange immobile? Ve la descrivo un po' meglio: cerco di far forza e sento il dito tremare un po' ma niente. Posso fare solo dei piccolissimi movimenti. Potrebbero esserci aderenze? Se lo piego con la spinta di un altro dito non sento alcun dolore, mi viene solo un po' difficile. Anche se non potete rispondermi precisamente, potreste darmi una vostra ipotesi?
[#12] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Oltre alla rigidità articolare, sicuramente presente, è possibile che ci siano aderenze tendinee che ostacolano lo scivolamento del tendine.

Però, potrebbe anche aver ceduto la sutura del flessore lungo.

Solo una visita diretta da parte del suo chirurgo potrebbe aiutarla nel rispondere a questa domanda.