Utente 463XXX
Salve, ho 28 anni, diagnosticato con Sclerosi Multipla dal gennaio 2007. Premetto che esternamente non ho manifestazioni evidenti della malattia.
Sono laureato in infermieristica, ho appena vinto un concorso pubblico e devo affrontare la visità per l'accertamento dell'idoneità fisica.
Mi chiedevo:
- Sono obbligato a rivelare la diagnosi?
- Se sì, può in qualche modo ciò andare a inficiare la mia idoneità?

Grazie a chiunque potrà darmi un consiglio...
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
caro giovanotto,
mi pare che il sospetto diagnostico che le è stato formulato richieda ulteriori indagini, pertanto potrà riferire del sospetto diagnostico e ricevere l'idoneità al lavoro...se invece siamo di fronte ad un quadro conclamato...potrà fare domanda di riconoscimento dell'invalidità civile ed essere assunto tra le categorie protette...
In bocca al lupo
in lombardia c'è spazio per infermieri in gamba ed onesti come lei...
suo prof luigi marino
[#2] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività
8% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
egregio signore,
senza dubbio dovrà informare e fornire la documentazione specialistica al medico incaricato, successivamente, anche in relazione alla diagnosi e all'esame obiettivo, non si pùo escludere che ci possano essere dei problemi in tema d'idoneità al lavoro (possibile anche con eventuali limitazioni).
Conviene comunque presentare, all'ASL di residenza, la domanda d'invalidità civile e di Legge 68 (per un eventuale futuro collocamento al lavoro mirato).

Distinti saluti
Dr. Maurizio Golia
Brescia