Utente 186XXX
Gentili dottori,

Circa un mese fa chiesi il primo consulto riguardo ad episodi di disfunzione erettile. Ora prosegue il mio iter diagnostico.
Sono un uomo di 29 anni e questa situazione mi condiziona non poco la qualità di vita.
Ho ritirato gli esami di testosterone, prolattina e TSH:

TSH 2.457 mcIU/ml (0.25 - 5)
Testosterone plasmatico 590.3 ng/dl (260 - 1110)
Prolattina plasmatica 13.30 ng/dl (1 - 20)

Sono considerabile nella norma? Devo fare altri esami ormonali?
Grazie per eventuali consulti.

Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Gallo
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile utente

il suo profilo ormonale risulta nella norma.
Tuttavia questo va integrato con gli esami clinici e strumentali (eventuali).
Se vuole avere maggiori informazioni a riguardo le consiglio questa lettura:

http://www.studiourologicogallo.it/disfunzione_erettile.php
[#2] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
Gen.le dott. Gallo,

grazie per la risposta.
Sono già stato da un andrologo, al quale però devo ammettere di non aver descritto bene tutta la situazione.
Cmq lui mi ha controllato la prostata e con una macchina per ecografia (credo) mi ha controllato reni e testicoli. Non ricordo se ha controllato anche l'asta.
Mi consiglia di effettuare qualche altro esame? Magari per valutare la circolazione tipo ecodoppler?

Grazie e buona giornata
[#3] dopo  
Dr. Luigi Gallo
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Il doppler penieno è un esame che, se eseguito correttamente, ha un valore diagnostico molto alto.
Tuttavia lascio la decisione al collega che la ha attualmente in cura.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
mi associo al Dr.Gallo nella risposta.
Il deficit erettivo, ha spesso cause poliedriche e miste, l'indagine, per essere completa ed esaustiva, dovrebbe investigare le cause altre da quelle esclusivamente organiche.
Gli stili di vita, l'aspetto relazionale e diadico, l'utilizzo errato dell'immaginario erotico, le cause da cattivo apprendimento sessuale, le cause intra-psichiche e di coppia,lo spectatoring e ...tanto altro.
Ridurre la sfera della sessualità, esclusivamente alla zona pelvica, mi sembra estremamente riduttivo e non veritiero; una sessualità disfunzionale, compromette coppia, talamo , narcisismo, tono dell'umore e qualità della vita.
Cari saluti
[#5] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
Grazie ancora dott. Gallo.

Gen.le dott.ssa Randone,
grazie per la cortesia dimostrata nel rispondermi.
Quello che dice credo ricalchi la mia esperienza.
Sto regolando il mio stile di vita (prima fuori controllo) e tentando di smettere di fumare.
Credo di avere avuto esperienza di tutte le cause da lei elencate, soprattutto stress, ansia da prestazione e spectatoring, fattori da cui faccio fatica a sottrarmi.
Ho vissuto esperienze sessualmente traumatiche da bambino e anche da adulto ma anche relazioni appaganti.
L'ultima relazione, con una lei molto esigente ed intransigente, risale a pochi mesi fa e l'essere stato abbandonato come un giocattolo rotto mi ha gettato in uno stato di forte depressione e ansia tanto da condurmi ad una costante auto-verifica e ad un continuo controllo. Questo stato ha compromesso anche la mia sfera autoerotica. Ormai riesco a masturbarmi solo se mi sorprendo eccitato durante la notte.
Ora sto tentando di ridimensionare l'accaduto e guardare avanti con speranza.
Mi rendo conto che la ricerca di una causa fisiologica sia tipica di un disagio psicologico, ma sento sia necessario escludere le più comuni cause fisiche dato che, come anche lei scrive, spesso si tratta di fattori misti.
Un arrivederci