Utente 193XXX
Buonasera,vorrei richiedere un consulto. circa un mese fa a mio padre è stato asportato un piccolo polipo di circa 15 mm. L'esame istologico recita:"polipoadenomatoso tubulo villoso con tutti gli aspetti di passaggio dalla displasia lieva all'adenocarcinoma ben differenziato infiltrante la sottomucosa e la muscolaris mucosa. Indenni i grossi vasi centrali dell'ilo."
IL patologo ci ha consigliato di rivolgerci a un chirurgo per una eventuale resezione del tratto intestinale.L'endoscopista, invece, ritiene che l'asportazione del polipo è stata risolutiva del problema. Vorrei aggiungere che quest'ultimo si è pronunciato dopo aver contattato il patologo. Grazie mille per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Si tratta di un adenoma (polipo) comprendente area di carcinoma invasivo che supera la muscolaris mucosae e si estende alla tonaca sottomucosa*; costituisce la forma più precoce di carcinoma, dotato di potenzialità metastatiche. Il rischio di metastasi linfonodali è complessivamente del 10%. Si possono tuttavia, sulla base delle caratteristiche patologiche, suddividere due gruppi: uno a basso rischio ed uno ad alto rischio. Tale distinzione é utile al fine di programmare le successive scelte terapeutiche (resezione chirurgica vs follow-up clinico-endoscopico).
Certamente il patologo e l'endoscopista avranno valutato (anche sulla base dell'età di suo padre e delle sue condizioni cliniche) che il rischio di un intervento chirurgico è superiore al rischio metastatico.

Potrebbe eventualmente richiedere il vetrino del preparato istologico per un eventuale consulto con altro patologo.

Saluti
[#2] dopo  
83786

Cancellato nel 2015
Concordo con quanto scritto dal Prof. Cosentino.
Comunque in casi come quello di suo padre è fondamentale un follow up endoscopico precoce (anche fra 3 mesi).
[#3] dopo  
Dr. Fausto Lella
20% attività
0% attualità
0% socialità
PONTE SAN PIETRO (BG)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
Riterrei opportuno, se non obbligatorio, prima di prendere ulteriori decisioni, eseguire per una migliore sdadiazione, un'ecoendoscopia per valutare il grado di estensione della lesione rispetto alla parete del sigma e se linfoni patologici

Cordiali saluti

Fausto Lella

Responsabile Servizio di Gastroenterologia
e Endoscopia Digestiva
Istituti Ospedalieri Bergamaschi
Presidio di Ponte San Pietro ( BG)
[#4] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Nel ringraziarvi per le precedenti risposte, vorrei chiedere un ulteriore consiglio su questa vicenda. Abbiamo consultato un chirurgo ,che ha fatto revisionare i vetrini. Il nuovo referto recita:"adenoma tubulo-villoso con displasia grave. Indenne il margine di resezione". In conseguenza di ciò il chirurgo ha detto che l'esportazione del polipo è stata risolutiva del problema e ci ha consigliato di fare una colonscopia di controllo tra 6-8 mesi. Ciò che mi lascia perplessa è la differenza dei due referti istologici. Vorrei inoltre chiedere il vostro parere se sia necessario o meno fare ulteriori controlli (tac, analisi, ect...), oltre alla periodica colonscopia, per una nostra maggiore tranquillità. Grazie per la vostra disponibilità.
[#5] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
L'iter è stato corretto (di avere una seconda valutazione sui vetrini). Si tratta in definitiva di un polipo benigno (non superamento della muscularis mucosae della displasia). Non c'è necessità di ulteriori indagini tranne la colonscopia di controllo.

Auguri per suo padre (... è andata bene !)