Utente 487XXX
Salve a tutti, sono una ragazza di 20 anni e da un po' di tempo soffro di acne diagnosticato come lieve solo a novembre da una dermatologa. La dottoressa mi ha subito prescritto un composto di Eritromicina gel ( metà tubicino) più Airol in crema da applicare ogni sera, più Papulex crema idratante da applicare di giorno. Peggioramento da subito, come ci si aspettava. Poi si alternavano settimane di sfoghi misti a dermatiti (sempre da lei diagnosticate)e a forti secchezze cutanee durante le quali smettevo la cura e idratavo molto la pelle, come da lei stessa consigliato. per ovviare a questa controindicazione la dottoressa mi consigliò di utilizzare il composto 1 ad 1, ovvero utilizzare l'intero tubo di eritromicina misto ad airol, migliorando così la situazione dermatite. La situazione brufoli non è cambiata però. si alternano giorni in cui non ho nessun brufolo a giorni in cui paiono comparirne 5-6 tutti insieme. strani tra l'altro, molto secchi e molto dolorosi. Al controllo, mi è stata aggiunta un'ulteriore crema antibiotica, Duac, da alternare con il composto di cui sopra. Ora alla luce di tutto ciò, poichè siamo a febbraio e avendo cominciato da novembre e essendo davvero pochi i miglioramenti se non un peggioramento EVIDENTE di macchie sul viso che non mi permettono più di uscire senza aver passato ore davanti allo specchio, considerate la mia cura una perdita di tempo, tanto da cambiare dermatologa, o è solo questione di tempo e pazienza?
Vi ringrazio tanto per il tempo dedicatomi, provate ad immaginare quale disagio possono dare questi brufoli dolorosi e macchie rosse in viso...

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Gentile utente

Noi possiamo limitarci a dire senza commentare in alcun modo terzi colleghi e/o terapie prescritte, che le cure per ogni tipo di acne ad oggi ci sono e sono efficaci.

Queste seguono sempre un algoritmo terapeutico condiviso in ambito internazionale.

Scelga quindi il suo riferimento dermatologico e ci si affidi con fiducia.

Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 487XXX

Iscritto dal 2007
Grazie dottoressa per la sua risposta, che sinceramente non mi è stata molto chiara. Proprio perchè sono già a conoscenza dell'esistenza di cure contro l'acne mi sono affidata alla dermatologa, ma sono qui a scrivere per aver un parere in più sulla cura da me portata avanti, quindi per sentire più campane.
Volevo aggiungere una situazione però a quella descritta su, ovvero quella post-depilatoria. Per depilare i baffetti la dermatologa, solo dopo essersi accorta che la ceretta mi aveva portato via un bel po' di pelle dal baffetto, si è ricordata di dirmi che non potevo fare la cera. Così ho optato per la crema depilatoria, che però qualche minuto fa mi ha portato quasi un ustione tra le labbra e il naso..ci ho messo su il Foille.
Avete qualche consiglio su come agire? grazie mille ancora
[#3] dopo  
Utente 487XXX

Iscritto dal 2007
salve dottori, mi ritrovo a distanza di due anni, a riscrivere qui con la speranza di una qualche illuminazione o aggiornamento nella medicina dermatologica.
A settembre 2010 ho cominciato una cura contro l'acne come potete leggere dal post precedente, curato nl tempo rispettivamente con airol, eritromicina, duac, epiduo, zitromax compresse; ad oggi sto usando la pillola anticoncezionale dal momento che mi hanno diagnosticato un ovaio micropolicistico, più eritromicina alla sera. E' il secondo mese che prendo la pillola ma di miglioramenti ne vedo a settimane alterne, delle settimane in cui sono nello studentato nella mia città universitaria, ho qualche leggerissimo miglioramento, poi torno a casa e mi ricompare. ora non voglio deviare l'oggettività delle vostre risposte con questo che potrebbe sembrare essere un fattore di stress psico-fisico, perchè non lo posso affermare con un margine alto di probabilità. In ogni caso sto aspettando i risultati del test della curva da carico del glucosio, perchè il mio medico curante ( endocrinologo) mi ha prospettato una possibilità che a monte di tutte queste problematiche possa esservi una insulino-resistenza, data anche la difficoltà nel perdere peso...

Ora, cosa posso fare? mi hanno parlato di una cura per bocca, la quale però so essere molto invasiva nonchè teratogena, che ho sempre rimandato nella speranza di una terapia meno aggressiva...mi aiutate per favore con qualche dritta? grazie a quanti dedicheranno qualche minuto per rispondere.

p.s. quello che era un acne lieve, è diventato un acne grave