Utente 101XXX
Buongiorno,
2 mesi fa il mio fidanzato, avvertendo bruciore, arrossamento e una sorta di arsura, ha eseguito il tampone del glande che ha rilevato la presenza di escherichia coli e klebsiella pneumonae, entrambe in "rare colonie".
Prima terapia antibiotica con Ciprofloxacina.
Esami ripetuti (sempre tampone)e persistenza di Escherichia Coli, questa volta in "numerosissime colonie".
Seconda terapia antibiotica con Amox-Ac. Clav (Clavulin).
Esami ripetuti (spermiocoltura) e purtroppo permanenza di Escherichia Coli in "numerosissime colonie".
Il medico continuerebbe la terapia con Ciprofloxacina, ma a questo punto abbiamo deciso di rivolgerci ad un urologo. In attesa di appuntamento, vorrei porre alcune domande:
1)innanzitutto, è significativo il fatto che da "rare" le colonie siano diventate "numerosissime"? Quale può essere il motivo?
2)da quanto ho letto su questo sito, la terapia antibiotica è l'unica valida.
Tuttavia, siccome l'e.coli è un germe intestinale, la cura può passare anche dalla dieta indagando eventuali situazioni di intolleranze o semplicemente cattive abitudini alimentari?

Io e il mio fidanzato vorremmo provare ad avere un bambino e questo ostacolo ci ha portato un po' di ansia...
Naturalmente ho effettuato anche io un tampone vaginale che ha dato per fortuna esito negativo.

Grazie anticipatamente a chi vorrà darci aiuto.
Manuela

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,e' possibile che lo stato infiammatorio si procrastini e si aggravi,dal punto di vista degli esami colturali,nonostante le terapie effettuate.Con un po' di pazienza il quadro si normalizzera'.Quanto alla fertilita',eseguirei uno spermiogramma in occasione della prossima coltura e,principalmente,mi sottoporrei ad una visita andrologica.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio Dottore per la veloce risposta.
Suggerisce quindi di continuare la terapia antibiotica?
Lo spermiogramma lo aveva già effettuato circa 6 mesi fa ed era risultato tutto ok.
Crede che potrei rimanere incinta nonostante la sua infiammazione?
Grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...certo che puo' rimanere incinta ma,ripeto,non si puo' prescindere da una visita andrologica diretta.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Grazie ancora del Suo parere.
Purtroppo, come certo sa meglio di me, gli uomini sono poco propensi a visite andrologiche di controllo o prevenzione.
Con il mio fidanzato poi il tema è maggiormente delicato in quanto ha subito l'asportazione di un testicolo 13 anni fa in conseguenza di un tumore. E' sempre sotto controllo e lo spermiogramma era stato fatto preventivamente per valutare la situazione, visto il nostro desiderio di avere un figlio.
I risultati sono stati confortanti (e migliori rispetto ad uno spermiogramma precedente)per cui l'andrologo ci ha consigliato di iniziare a fare tentativi tranquillamente e senza pensieri e di procedere ad ulteriori controlli solo in caso di insuccessi nel tempo.
Ora è sorto il problema dell'e.coli...speriamo di riuscire a risolverlo in fretta e di poter realizzare i nostri desideri!
La ringrazio nuovamente per la disponibilità e la saluto cordialmente
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...l'E. coli e' il germe piu' frequente...Con una storia di ablazione testicolare e' imprudente non sottoporsi a controlli anche per il testicolo rimanente,aldila' dell'aspetto legato alla riproduzione.Cordialita'.
[#6] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Ogni anno fa esami del sangue e ecografie nella zona.
Gli parlerò in ogni caso di una visita andrologica, "a prescindere"!
Grazie davvero