Utente 465XXX
Salve, sono un ragazzo di trentanni e circa due anni fa dopo rapporti non protetti ho avuto una infiammazione urinaria curata con chinolone della Chiesi Farmaceurica, precritto dal medico di base. Qualche mese dopo dalla spermiocultura sono risultato positivo allo streptococco fecalis e alla escherichia coli. Da visita andrologica risultava prostata schiacciata. Questi sintomi sono comparsi successivamente ad aver sofferto di emorroidi e difficoltà a defecare (dovuto a stress dal lovoro competitivo, alimentazione scarsa di verdure e frutta (oggi cambiata) e una vita sedentaria per ragioni di lavoro (ancora rimasta), soffro anche di ernia al disco L5-S1 mediana che non tocca le nervature (no sciatica) e protusione tra L4-L5 (cura in corso di fisioterapia, nuoto e sedia ortopedica)). Con un paio di antibiotici di cui il secondo è stato Bactrim, le successive spermioculture sono sempre risultate negative. Con cuscino antiprostatite, la prostata si è decongestionata quasi del tutto. A distanza di tempo pero mi è rimasto un dolorino durante la prima minzione del mattino e a volte durante la eiaculazione, aumentata sensibilita al glande, qualche fastidio al testicolo destro ed irritazione nella zona del frenuto, specialmente dopo i rapporti sessuali (per cui sto applicando Unguento Ipeg dopo i rapporti). Funzione sessuale regolare, Non Ejaculazione precoce (5 min). Ho usato spesso lo stop contropressorio all’ejaculazione sia nella masturbazione e sia nei rapporti per prolungare la masturbazione o il rapporto. Dopo altra visita andrologica (luglio 2007) ho preso supposte di Mictasone per decongestionare la prostata del tutto. Dalla visita andrologica risultava: normovirilizzazione, pene nella norma, frenulo breve livemente lacerato, non IPP, didimi in sede scrotale di 14 ml epididimi regolari, deferenti palpabili, non varicocele. Prostata lievemente congesta con secrezione uretrale biancastra dopo spremitura. Fc 70 r Pa 12/80.
Da un tampone con tecnologia PCR- ibridaz. (settembre 2007), sono risultato positivo alla Chlamydia (sensibilità 5 copie/reazione) e alla Ureaplasma urealyticum con carica batterica 1.000.000 UFC/mL. Antibiogramma antibiotici sensibili: Doxiciclina, Ofloxacina, Rossitromicina. Ancora prima di fare il tampone, scorso luglio, l’andrologo mi aveva prescritto 15 giorni di Levoxacina e 15 giorni di Bassado, che non ho ancora preso. Considerati i risultati dell'antibiogramma io direi di prendere i 15 giorni di Bassado. Puo bastare? Oppure devo prendere anche qualcosa altro dopo o prima del Bassado? 1.000.000 UFC/mL è una carica elevata? La mia fidanzata per quanto tempo deve prendere il Bassado? Lei non ha ancora accusato alcun fastidio. Tra quanto tempo devo rifare un nuovo tampone di verifica? Grazie mille. Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Genitle utente,

i risultati dei tamponi hanno che ci inserisce sono positivi e pertanto la terapia deve essere effettuata.
Ogni terapeuta ha le sue scelte: per la chlamidia ad oggi esistono alternative terapeutiche meno lunge del bassato ma egualmente, o più efficaci.
ne parli con il suo Medico.

Cari saluti
Dott. LAINO,
Specialista Venereologo, ROMA
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2000
concordo
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Anche io le suggerisco di risentire il suo medico e di piaificare assieme una terapia idonea a debellare il microorganismo.
COrdiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
concordo con i colleghi
[#5] dopo  
Utente 465XXX

Iscritto dal 2007
Ho iniziato a prendere il Bassado da due giorni e proseguiro per un totale di 15 giorni. Il pene si indurisce con piu difficolta e la ejaculazione è diventata piu dolorosa del solito. E' normale?
Inoltre da alcune ricerche effettuate, ho letto che il Bassado difficilmente combatte i batteri che si sono annidati nella prostata. Considerando che ho avuto una infiammazione della prostata e tuttora è ancora leggermente infiammata, è probabile che la Chlamydia e l'Ureaplasma Urealyticum siano presenti anche nella prostata. Pertanto dopo l'assunzione del Bassado, che tipo di medicina biologica o fitoterapia mi consigliate per aiutare il sistema immunitario a debellare del tutto i batteri?
Io sto gia prendendo integratori di vitamina C, E, acido folico, zinco, bioflavonoidi, culture probiotiche e Acidif a base di L-Metionina e Cranberry.
Effettuare massaggi prostatici puo essere utile?
Per quanto tempo devo usare il preservativo per essere sicuro di non ricadere in recidive? (Anche la partner sta facendo la cura con il Bassado anche se non ha sintomi). Grazie. Saluti.