Utente 193XXX
gentilissimi dottori...
da tempo soffro di dolori ossei e muscolari,e senso di stanchezza...ho fatto diversi analisi tuti nella norma anche per malattie sessuali,tutto negativo.
la cosa che mi lascia incerto e che vari anni fa sono stato punto da una zecca..e non ho preso nessun antibiotico,pero col passare del tempo ho cominciato a soffrire per i vari disturbi dolorosi ecc.
allora ho fatto test per la borrelia in elisa e Wb entrambi negativi,però mi è stato detto che non danno certezza di negatività.
allora ho provato per 7 gg terapia con rocefin...e dopo circa 10 gg ho avuto miglioramenti,che sono durati piu di un mese,ma poi di nuovo dolori,i fans e cortisoni non mi portano nessun risultato.
io penso che possa tratarsi di borelia non curata,in questo caso 7 gg di rocefin sono sufficienti?
i dolori si attenuano solo con antibiotici,
che mi consiliate,
vi ringrazio anticipatamente
cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Mi perdoni ma lei e' un medico? Non comprendo al contrario come si possano fare autodiagnosindi questo genere se non con una indigestione di notizie non controllate via internet, sebbene oggi molti i pazienti si sentono laureati in medicina e chirurgia e talvolta specialisti..

Stia molto attento a questo comportamento e si affidi ad un medico di fiducia per il bene della sua salute!
Spero abbia inteso il senso collaborativo del mio messaggio.
[#2] dopo  
193503

dal 2011
gentilissima e bellissima dottoressa,
io non sono un medico,ma le ho detto quello che mi e stato detto..
il problema e che i sintomi vanno via con antibiotico e basta...
ho cercato un medico ma vedono il tutto superficialmente....ed è facile dire come hanno fatto che non c e nulla visto i test....però i sintomi persiostono e la tumefazione è reale e si riscontra anche con la tac.
quale medico è capace di fare una diagnosi?
ho fatto visite ma ho incotrato tutto tranne che veri medici!!!
il medico dovrebbe aver cura della salute del paziente e fare di tutto perche cio fosse così.......ma non è così per esperienza.
ho dei dolori e una tumefazione visibile ad occhio nudo....e nessuno fino ad adesso è stato capace di fare diagnosi.....avendo dolori continui.....
lei al posto mio vorrei vedere cosa avrebbe fatto....
mni scusi per il tono...ma sono esausto...
ho dolori continui,ho fatto tanti esami e visite e conclusione: ??
comunque grazie....ma la sua risposta non serve...la posso dare anche io che non sono un medico...
intyernet o no... ma la gente non è piu ignorante....
il mio caso.....lei cosa saprebbe fare......tante parole ecc....ma il problema rimane.....
ho fatto un consulto.......al fine di che.....la sua risposta che ci faccio......e lei si definisce MEDICO....
SO Gia che neanche risponderà.
comunque una buona giornata....
visto che io non sono medico....lei che lo è faccia la diagnosi...
la invio tutti gli esami....
[#3] dopo  
 Staff Medicitalia.it
44% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
le linee guida del sito vietano, così come la legge italiana, di fare diagnosi online.
Aggiungiamo che i suoi toni, pur se esasperato da un problema di salute che si protrae da tempo, non sono adeguati allo stile cui solitamente siamo abituati.

La invitiamo quindi a leggere le linee guida al consulto, essere esplicito quando pone una domanda riferendo esiti di visite e diagnosi precedenti, e soprattutto ad usare educazione e gentilezza nei confronti dei medici che eventualmente le rispondono.

Grazie per la collaborazione,
staff@medicitalia.it
[#4] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Aggiungo al già esaustivo parere dello staff di medicitalia.it quello personale, in virtù della replica dell'utente che leggo essere cancellato (ma che egualmente può leggere anche come non iscritto) e per utilità di chiunque legga questo consulto:

Ogni cittadino e' libero di fare della propria persona e della propria salute ciò che vuole.

Se un cittadino rivolge ad un medico anche on-line un quesito di carattere sanitario, questi ha il diritto dovere di rispondere secondo i regolamenti imposti dalla tipologia del servizio che sta erogando.

Nel caso specifico, si e' ravvisato quello che ho ritenuto essere un cattivo comportamento sanitario che potenzialmente poteva minare in qualche modo il mantenimento del buon stato di salute di un soggetto.

Pertanto e' nostro compito, pur nei limiti imposti dal servizio telematico e sottolineati nella comunicazione dello staff informare il cittadino/utente sui rischi che quei comportamenti possono cagionare.

Se ciò non viene accettato e di contro viene rigettata la nostra istanza, dobbiamo prenderne atto, nella consapevolezza di aver fatto il nostro meglio per dare una informazione che abbiamo ritenuto essere utile.


Pur non commentando le altre parti di questo consulto, che non mi pongono alcun problema, ne' come donna, ne' come medico, ravviso che da parte nostra, noi Medici, mettiamo il nome, la professionalita' che possiamo, ma soprattutto la faccia (nel senso della piena identificazione personale) in ciò che facciamo, anche in tale sede, come se non bastassero già i quotidiani rischi cui la nostra Professione ci espone - sempre con la responsabilità delle nostre azioni;

Dall'altra abbiamo visto un utente gia' tutelato giustamente dall''anonimato che dopo aspre critiche generiche e specifiche ha preferito cancellarsi.

Noi siamo qui e ci rimaniamo con il nostro nome e con ciò che possiamo fare nell'estremo limite delle nostre possibilità.