Utente 170XXX
Buonasera vorrei riallacciarmi al messaggio con vostro consiglio del 11/11/2010.
Mio padre ha dismesso due mesi fa la terapia con il coumadin ora ha iniziato per numerossissime extrasistole ventricolari una terapia farmacologica con betabloccante da due mesi 1,25 mg. cardicor.Il risultato è stato il seguente sono diminuiti gli eventi ventricolari rispetto all'holter di dicembre (14000) ora invece anche se ugualmente numerose sono 8867 ma la cosa piu' preoccupante è che sono aumentati gli eventi ventricolari in coppie (prima 55) ora sono diventate 875, ed anche le triplette (prima non le aveva) ora invece sono 116; invece per le salve bigem. ora sono diminuite pari a 116.Risultato:ritmo sinusale di base 60 battiti al minuto in media 49 min. 88 max. interrotto da rare extrasistole atriali e numerose ventricolari ripetitive con coppie , triplette e brevi tratti di riva max n.4 battiti, Non pause. Non alterazioni dela ripolarizzazione ventricolare. La pressione ora è scesa da quando è in terapia farmacologica e cioè 116-107/66-63. Avverte una pressione alla gola a volte spesso durante la giornata a volte solo il pomeriggio per qualche ora. Fuma dalle 5 alle 7 sigarette al giorno.Ora vi chiedo puo' un betabloccante evidenziare ancora di piu' le extrasistole oppure fino a che assumeva il coumadin eventuali patologie venivano oscurate dal farmaco? Vi chiedo anche se tali extrasistolie ventricolari possono dipendere da problemi di circolazione?vi chiedo un consiglio su cosa fare e se la situazione è grave?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No guardi, il Coumadin ha un effetto sulla coagulazione, ma non sul ritmo. L' holter che lei riporta suggerisce di cambiare la terapia attuale (beta-bloccanti) con una terapia antiaritmica vera e propria, perche' le aritmie segnalate sono pericolose. Ovviamente comprendera' che non sarebbe corretto che io le suggerissi per via telematica una terapia: ne parli dunque con il cardiologo che segue suo padre.
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org