Utente 154XXX
Salve. In seguito a linfonodi del collo continuamente ingrossati da due anni, non sapendo più cosa fare mi sono state prescritte nuove analisi che riporto
EMOCROMO CON FORMULA

leucociti 3,9-10,6 risultato 5,o4
eritrociti 4,00-6,20 risultato 4,48
emoglobina 12,40-17,00 risultato 13,30
ematocrito 37,00-52,00 risultato 40,6
Volume corpuscolare medio 78,00- 96.00 risultato 90, 60
Contenuto emoglobinico medio 28,00-34.00 risultato 29,70
Concentrazione emoglobinica media 32,00- 37,00 risultato 32,80
Val.distribuz.globuli rossi 11,50- 14,50 risultato 13,30
FORMULA LEUCOCITARIA

granulociti neutrofili 43,00-75,00 risultato 43,10
linfociti 20,00-45,00 risultato 46 *
monociti 0,00-9,00 risultato 9,50 *
Num.linfociti 0,70- 5,00 risultato 2,32
Num. monociti 0,10-1,00 risultato 0,48
Num. granulociti neutrofili 1,50-8,00 risultato 2,17
Num. gran. eosinofili 0,00- 0,50 risultato 0,05
Num. gran. basofili 0,00- 0,20 risultato 0,02
Piastrine 150- 400 risultato 180
Volume piastrinico medio 6.00- 14,00 risultato 11,20

Proteine totali 6,0-8,0 ris. 7,5
AST 0-41 ris. 16
ALT 0-41 ris 14
Latticodeidrogenasi <248 ris. 145
CPK 0-170 ris. 48
IGE totali 0-100 ris. 46
TAS 0-200 ris. 25
PCR proteina C reattiva 0-5 ris. 0,2

URINA
Ph 5.5
Trasparenza Limpida
Albumina 0-20 ris. 0
Peso specifico 1.014- 1.030 ris. 1,028
Emoglobina Assente
Glucosio 0
Acetone assente
Pigmenti biliari assente
Urobilina assente

Creatinemia: 0,55- 1,02 ris. 0,84
Elettroforesi proteine seriche
Albumina 55,8- 66,1 ris. 59,1
Alfa 1 globuline 2,9-4,9 ris. 3,5
Alfa 2 globuline 7,1- 11,8 ris. 8,8
Beta 1 globuline 4,7-7,2 ris. 6,0
Beta 2 globuline 3,2-6,5 ris. 5,7
Gamma globuline 11,1-18,8 ris. 16,9
Rapporto Alb/Glob 1,10-2,40 ris. 1,44

ANA positivi

Oltre ai dati segnati con * notavo alcuni valori appena al di sopra del limite inferiore. Grazie infinite se potrete aiutarmi.

[#1] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
Dagli esami comunicati si evince solo una modesta linfomonocitosi "relativa" (lieve aumento dei linfociti e dei monociti nella formula leucocitaria con numero totale dei Globuli Bianchi normale), ed una positività degli ANA (che sono degli autoanticorpi solitamente positivi in presenza di patologie autoimmuni).
Distinti Saluti
[#2] dopo  
Utente 154XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio di cuore per la rapida risposta; sono abbastanza preoccupata perchè il linfonodo, credo si tratti di questo, sul lato destro del collo continua a essere presente e dolorante. Se possibile le pongo due ulteriori quesiti
- Il primo se la positivià degli ANA possa essere legata al fatto che sono celiaca.
- L'altro è questo: appena prima degli esami sopra indicati ho eseguito anche esami per sospetta ipoglicemia reattiva. Vorrei solo porre alla sua attenzione i dati domandandole un parere:
Glicemia basale: 93
Dopo 120': 77 *
Insulina
basale: 5.3
Dopo 30': 18.3
Dopo 60': 14.7
Dopo 120': 12.6
I punti 30', 60', 120' sono leggermente emolisati: è possibile un'interferenza con diminuzione dei valori
Mi è stato consigliato di mangiare 5 volte al giorno; lo faccio ma non ho ottenuto grandi benefici. Mi succede a volte di avvertire all'improvviso come un vuoto allo stomaco - fino a far male - e freddo intenso. Grazie ancora di cuore
[#3] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
Gli anticorpi specifici per la celiachia sono: 1)antigliadina; 2)antiendomisio; 3)antitransglutaminasi tissutale.
Gli esami di laboratorio eseguiti su campioni emolizzati non sono attendibili, e quindi vanno ripetuti.
Distinti saluti
[#4] dopo  
Utente 154XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo dottore la ringrazio ancora di cuore per la disponibilità mostrata. Vorrei domandare un'ultima cosa: non avevo riportato, inizialmente, un dato degli esami effettuati: mi erano stati prescritti anche esami per mononucleosi, herpes e citomegalovirus. I primi due sono negativi. Per l'ultimo si legge
IgG 2,9 (riferimento <0,4 negativo; >0,4 <0,6: dubbio; > 0,6 positivo)
IgM <0,8 (positivo se superiore a 15)
Due anni fa risultavano IgG 143,40 (positivo se superiore a 15).
Posso domandare delucidazioni in merito?
Il medico mi ha detto che devo aver contratto in precedenza il citomegalovirus ma nessuno si era accorto del dato di due anni fa e che da questo dipenderebbero i linfonodi ingrossati, la febbricola, i dolori articolari, la linfocitosi. Può essere così? Mi è stato dato Fortilase (da ripetere per due mesi) ed eco in toto al collo per verificare comunque la natura dei linfonodi.Grazie mille
[#5] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
1- La positività delle IgM del citomegalovirus riscontrate 2 anni fa, sta ad indicare che in quell'epoca lei ha contratto l'infezione da citomegalovirus;
2- La positività delle IgG del citoegalovirus riscontrate agli esami eseguiti attualmente, indica che ha contratto in precedenza l'infezione da citomegalovirus ed attualmente vi sono gli anticorpi in circolo.
Distinti saluti
[#6] dopo  
Utente 154XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo dottore ho eseguito eco al collo con questi risultati: in sede laterocervicale a livello 2 e 3 presenza di linfonodi ovalari di aspetto immuno-reattivo di dimensioni massime di 22 mm a destra.
Può darmi delucidazioni in merito? Grazie infinite.
[#7] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
Dalla relazione inviata si evincerebbe la presenza di linfinodi di tipo reattivo ad un patologia immunologica ("aspetto immuno-reattivo"). Poichè in esami comunicati in precedenza (19-02-2011) è risultata una positività degli ANA (che, come già risposto, sono degli autoanticorpi solitamente positivi in presenza di patologie autoimmuni), è il caso di rivolgersi al proprio medico per eseguire una visita specialistica e degli esami specifici.
Distinti saluti
[#8] dopo  
Utente 154XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo dottore chiedo un'ultima cosa mi potrebbe consigliare quali esami eseguire e quale specialista contattare? E' tre anni che cerco di risolvere questo problema. Domando anche, se già non l'avessi fatto, se può essere tutto legato alla presenza - già diagnosticata - di malattia celiaca. Grazie.
[#9] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
Poichè si tratta di linfoadenomegalie (anche se di natura immuno-rettiva), conviene consultare un ematologo, il quale le prescriverà gli esami più opportuni.
Distinti saluti.