Utente 194XXX
Salve
Sono un ragazzo di 25 anni, da quasi 6 mesi mi sono accorto di una ciste nella parte posteriore del cranio, appena sotto la fine del cranio alla parte destra, facendo una ecografia mi è stato detto che è una ciste sebacea e non è niente. Io guardando su internet ho visto che questa ciste si trova proprio sopra la corteccia visiva, quando la ciste si ingrossa mi dà un problema all'occhio destro, mi da un fastidio, mi tira dalla tempia fino all'occhio, a volte mi vengono anche momenti di vertigini.
Volevo sapere se possibile se questa ciste mi darà problemi a livello visivo, tipo cecità o qualcosa simile o può dare altri problemi, anche perché nell'ultimo periodo i fastidi sono aumentati, e se possibile sapere come curare e che esami fare
Vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non c'è alcuna correlazione tra la cisti e gli altri disturbi che descrive.
[#2] dopo  
Utente 194XXX

Iscritto dal 2011
Non c'è nessuna correlazione il fatto che questa ciste (1.1cm) si trova sopra la corteccia visiva primaria e non è sotto cutanea, ma sotto la corteccia celebrale, e poi il dolore che sento non è legato al nervo ottico che è collegato con la corteccia visiva primaria?
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>sotto la corteccia cerebrale>>> e se ne è accorto Lei ?

Mentre l'ecografia parla di cisti sebacea...e quindi è provato che sia sottocutanea !

Al massimo quando si infiamma è possibile che avverta un dolore nella sede della lesione.

A meno che il suo nervo ottico , caso unico al mondo, abbia un decorso sottocutaneo e venga compresso dalla cisti (^________^).

La smetta di rastrellare spazzatura virtuale sulla rete e semplicemente la faccia controllare dal suo curante
per valutare con una visita la causa dei disturbi che descrive.