Utente 468XXX
GENTILE DOTTORE LE SCRIVO PERCHE DA ORMAI UN ANNO NON RIESCO PIU AD AVERE UNA RAPPORTO SESSUALE COMPLETO CON MIA MOGLIE.SIAMO APPENA SPOSATI E CONVIVIAMO DA 5 ANNI.NON RICORDO COME E' INIZIATO,PROBABILMENTE UNA VOLTA IN CUI(COME SUCCEDE A MOLTI)SI FA FLOP,COME SUOL DIRSI.FORSE ERA UN PERIODO ANCHE IM CUI AVEVAMO PROBLEMI FINANZIARI,STRESS,INSOMMA CI METTO DENTRO TUTTO.FATTO STA CHE ALL'INIZIO NON CI HO DATO MOLTA IMPORTANZA,MA ORA COL PASSARE DEL TEMPO NE STO FACENDO UN VERO E PROPRIO DRAMMA.CON L'AUTOEROTISMO NON HO NESUSN PROBLEMA,HO L'EREZIONE COMPLETA E DURATURA E ARRIVO ALL'ORGASMO.SE ME LO PRATICA LEI INVECE,IL PENE HA UNA O DUE VOLTE UN SU E GIU(NON SO COME SPIEGARLO CON ALTRE PAROLE),POI CONTINUANDO CON LA MASTURBAZIONE RIESCO AD ARRIVARE ALL'ORGASMO.QUANDO INVECE PROVIAMO A ANDARE OLTRE,E X CUI A FARE VERAMENTE L'AMORE,CON LA PENETRAZIONE,L'EREZIONE SCOMPARE DEL TUTTO!!IO NON RIESCO A NON PENSARCI,ANCHE QUANDO LEI CERCA DI ECCITARMI IN TUTTI I MODI,MA LA MIA MENTE E' SEMPRE FISSA LI!!!PURTROPPO QUESTO HA PORTATO ANCHE A MODIFICARE IL MIO ATTEGGIAMENTO DI COCCOLE VERSO LEI ,SONO PIU DISTACCATO ANCHE NEI MOMENTI PIU INTIMI,E QUESTO MI DA FASTIDIO!HO PAURA AD ANDARE DA UN MEDICO PERCHE POTREBBE DIRMI CHE NON C'E' PIU DESIDERIO E A ME QUESTO SPAVENTA MOLTO!IO LA AMO MA NON RIESCO PIU A SBLOCCARMI!!! COME FACCIO?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il sesso si identifica con il coito.E' grave,ma frequente,penalizzare l'intimità (baci,carezze etc.) perchè non ci si sente padroni della propria erezione al momento della penetrazione vaginale.E' chiaro che la Sua lettera é uno sfogo,ma é altrettanto chiaro che il buon senso non basta,per cui si decida a fare una normale visita di controllo presso un bravo e paziente andrologo che,eventualmente ,La saprà indirizzare presso un sessuologo.Abbiamo tante vie,ma l'unica da non seguire é proprio quella che Lei (inconsapevolmente) sta percorrendo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Egidio Fino
16% attività
0% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 16
Iscritto dal 2006
Caro utente,
i disturbi che lei illustra fanno pensare ad un probabile disturbo da ansia di prestazione. Certo , dalla storia raccolta da una e-mail e' difficile fare una diagnosi di certezza.
Puo' essere utile, come suggerito dal collega Izzo, fare una preliminare valutazione da un esperto andrologo che sapra' valutare la situazione ed indirizzarla in modo mirato.
Cordialita'
Dr. Egidio Fino
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
caro utente,
il rapporto sessuale non deve essere considerato solo come l'atto della penetrazione, ma deve essere la conseguenza di una serie di circostanze, nel suo caso ci sono forti indicazioni che tale problema sia di origine spicogeno, però per confermare tale diagnosi e per somministrarle una terapia opportuna è necessaria una visita uroandrologica.
cordiali saluti
Dott. Giuseppe Quarto
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono daccordo con i colleghi che mi precedono
[#5] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
gentile utente,
la sua situazione, almeno da quanto si evince leggendo la mail, è abbastanza frequente: erezione normale durante l'autoerotismo, che viene a mancare nel momento del rapporto, con tutta una serie di conseguenze emotive spiacevoli.

In questo caso è davvero utile una iniziale visita andrologica: rassicuriamoci sull'esclusione di problemi medici

Dopo non si può escludere la consulenza psicologico-sessuologica, che lei, chissà perchè, sembra temere...

Il problema è tenere nascosto il problema. Se la consulenza psicologica dovesse far emergere un problema di desiderio ben venga, lo si può trattare e risolvere. Se lo teniamo nascosto, rimane li e basta

Io ci penserei

Cordialmente

Daniel Bulla

dbulla@libero.it