Utente 182XXX
Salve,ho un bambino di 3 anni e 8 mesi,due mesi fa il pediatra mi ha prescritto una terapia (per la tosse)con il flixotide da somministrare con distanziatore,dopo una settimana abbiamo aggiunto anche il broncovaleas sempre da somministrare con il distanziatore,al che dopo 2 giorni di terapia ,alessandro ha cominciato ad avere difficolta respiratorie tipo asma, edema facciale e il sistema nervoso alterato,ho ovviamente sospeso la terapia,considerando il fatto che probabilmente a causare questi sintomi fosse stato il broncovaleas che fino ad allora se, somministrato per via aerosol,non aveva dato problemi.
in seguito dopo un mese somministrando il pullmaxxan sempre via aerosol,ho provato ad aggiungere 5 gocce di broncovaleas e anche in questo caso, quasi subito si e' ripresentato il problema.
la settimana scorsa ho portato il bambino dall'oculista ,la sua prima visita,gli ha fatto una visita generica e poi mi ha detto di riportarlo dopo una settimana, somministrando per i tre gg che precedevano la visita "atrpina lux 0,5"3 volte al giorno.
bene,alla terza somministrazione del primo giorno sono ritornati i sintomi che aveva avuto con il broncovaleas,molto piu' accentuati escluso le difficolta' respiratorie.
mi e' stato consigliato dall'oculista stess di fare le prove allergiche da farmaci,lei cosa ne pensa di tutto questo?
puo'essere che sia allergico ai dilatatoriin genere?
e ancora ,alessandro soffre di reflusso gastroesofageo e dall'eta' di due mesi assume ranidil e gaviscon,premettendo che e' un bambino vivace come tanti altri,e' possibile che tanti medicinali possano modificare il comportamento del bambino?
grazie
cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Non esistono prove allergiche per i farmaci per bambini che hanno questo problema, di tratta di prove di tolleranza che sono da escludere a questa età.
In genere il salbutamolo può dare problemi di agitazione, in quanto è un beta 2 stimolante, usi la budesonide che è un cortisonico indicato nei bambini e lo dia a dosaggio ottimale secondo il peso e anche qualcosina in più, in quanto in aerosol qualcosa si disperde.
Il reflusso di cui soffre può accentuarsi con l'uso di broncodilatatori, pertanto l'uso deve essere, il cortisonico è da preferire al fine di limitare al minimo il broncodilatatore.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio vivamente lo staff e in particolare il Dott.ANTONIO CORICA per il consulto chiaro e tempestivo.
Cordiali saluti.