Utente 195XXX
So che è spesso impossibile esprimere un'opinione senza vedere di persona il paziente, ma sarei lieta di ricevere un suo consiglio, che tratterò come tale per avere un punto di vista in più su una vicenda stremante. Sono una donna di 34 anni, sanissima fino a 6 mesi fa. All'improvviso mi si è presentato un dolore all'addome, in fossa iliaca destra, per descriverlo posso dire che è come quando si sente male forte alla milza dopo aver corso, solo che è dalla parte opposta. Tale dolore mi impedisce di svolgere attività normali e di avere una vita normale. L'intestino presenta a fasi alterne, ma spesso, coprostasi. L'addome, sempre a fasi, si gonfia fino a quadruplicare le normali dimensioni. Il dolore non scompare mai, giorno e notte, a volte si intensifica fino alle coliche. A volte diminuisce un po' solo in posizione sdraiata. Seduta è una tortura. In 6 mesi mi sono sottoposta a moltissimi esami e visite, senza venire a capo del problema. Ieri mi hanno diagnosticato un prolasso rettale prescrivendomi esami: uretrocistodefecografia, ecografia e manometria rettale. Documentandomi mi rendo conto di non presentare i sintomi di questa malattia: o meglio, solo la difficoltà a defecare, ma nessun prurito o fastidio nella zona anale. E vedo che tra i sintomi descritti non compare mai il dolore al fianco. Non vorrei intraprendere una ennesima strada (lunga e dolorosa) per nulla...
Grazie per la gentile attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
In effetti il disturbo che riferisce non appare tipicamente associato al prolasso, è possibile quindi siano due problemi diversi contemporaneamente presenti. Credo utile proseguire con gli accertamenti in corso anche in base alle indicazioni dei colleghi che la seguono. Auguri!
[#2] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
Grazie Dottore, proseguo con gli accertamenti. Buona serata.