Utente 193XXX
Buonasera,
circa 10 anni fa mi sono sottoposto a prove allergiche ed è risultato che sono un soggetto allergico ai pollini ed alle graminacee.
In questo periodo dell'anno, tutti gli anni, avverto prurito alla gola ed alle orecchie, continui starnuti e quindi naso chiuso e spesso anche lacrimazione.
Questi sintomi da circa tre anni, ad eccezione di quest'ultimo, erano praticamente scomparsi o presenti in minima parte ed io avevo dato come giustificazione il fatto che mi ero trasferito di resindeza in un paese di mare e, con un tipo di vegetazione diversa, il mio organismo reagiva diversamente. Invece quest'anno da circa due settimane mi si è scatenata una reazione allergica di entità abbastanza notevole.
Per tamponare ho deciso arbitrariamente, quindi senza consulto medico, di iniziare un trattamento di antistaminico (Claritin compresse 10 mg. 1 compressa al mattino).Sembrerebbe che la situazione stia man mano migliorando anche se avverto ancora disturbi al naso (prurito e naso chiuso).
Vorrei pertanto chiedere:
1)Il tipo di trattamento intrapreso è da ritenersi corretto, o bisogna modificarlo?
2)Nel caso in cui devo continuare con l'antistaminico, per quanto tempo ancora è consigliabile assumerlo?
3)E' consigliabile assumere anche qualche farmaco (spray o nebulizzante) per via nasale, che mi aiuti a migliorare il problema ancora presente? E se si quale?
4)Siccome la stessa situazione, anche se in forma molto più lieve, si verifica anche in mio figlio di 7 anni, quale tipo di terapia è eventualmente consigliabile in attesa di poter effettuare le relative prove allergiche?
Ringrazio fin d'ora per la gentile e cortese attenzione ed auguro buon lavoro.
Saluti.
Birillo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
In caso di allergia esistono, non soltanto le cure mediche, dove nella rinite allergica sono abbastanza banali fatte di antistaminico e spray nasale al cortisone ma, anche di immunoterapia specifica verso gli allergeni a cui si è sensibili, che bloccano in modo pressochè definitivo l'evoluzione della patologia allergica e il virare in patologie più complesse quali asma e broncopatie correlate.
Si affidi ad uno specialista in Allergologia e Immunologia Clinica e risolverà definitivamente i suoi problemi.

Cordiali saluti