Utente 195XXX
salve, ho 19 anni e pratico regolarmente sesso da capodanno (dopo un anno circa di astinenza da un rapporto completo) e spesso faccio fatica a raggiungere l' orgasmo, in genere mi ci vuole almeno un' ora e la maggior parte delle volte devo far continuare la mia partner a mano, e poi riprendere per riuscire a venire nella vagina, oppure interrompere il rapporto,a spettare una 20na di minuti e poi riprendere e allora in una 10na di minuti riesco ad eiaculare. ogni tanto (oggi ad esempio) non riesco a raggiungere in alcun modo l' orgasmo. Masturbandomi invece in 5-6 minuti lo raggiungo. Cosa devo fare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
l' eiaculazione ritardata può dipendere da fattori ormonali o psichici. Per un diagnosi senta una collega dal vivo.
[#2] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
dovrei dare la precedenza alla visita di un andrologo o di uno psicologo?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Andrologo: gli psicologi (alemno quelli che conoscono il mestiere) non visitano problemi sesssuali senza preventiva visita andrologica
[#4] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
ok, penso che prenoterò un consulto da lei stesso dato che sono abito vicino ad uno dei suoi ambulatori
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Grazie
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
mi associo al DR.Cavallini nella risposta.
L' "eiaculazione relazionale", ha caratteristiche totalemnte differenti rispetto a quella solitaria o, extra-vaginale, oltre che segiure sentieri e percorsi intra-psichici differenti.
Dopo una scrupolosa indagine andrologica, che possa escludere cause organiche, consulti uno psicologo-psicoterapeuta, esperto in sessuologia clinica, che possa lavorare con lei e per lei, al fine di restituirle gioia e serenità sessuale e di coppia.
Cari auguri