Utente 195XXX
Buongiorno, ho 36 anni da due mesi ho un dolore sulla parte superiore della base del pollice sx, sono andata a fare una ecografia e il fisiatra, mi ha diagnosticato dequervain, mi ha fatto mettere un tutore , cerotto antinfiammatrio x 15 gg, bustine etc etc siccome non mi fidavo a pelle di ciò ce mi ha detto, sono andata a farmi visistare da un chirurgo della mano, che mi ha diagnosticato rizoartrosi mi ha prescritto il tutore per 3 mesi dopodiche vorrà rivedermi con una lastra per valutare se intervenire o no, lui pensa che sarà da operare visto il dolore e la giovane età. mi parlava di una sostituzione con inserimento di protesi , mi potete spiegare in cosa consiste l intervente e se è doloroso e i tempi di recupero e di durata dell'intervento stesso?.grazie mille Silvia

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Silvia,

la rizoartrosi, a mio modesto parere, va operata solo nei casi di un danno articolare importante (da valutare radiograficamente) e qualora non ci sia (o non ci sia più) alcuna risposta alle varie terapie di cui noi oggi disponiamo (tutore rigido notturno, tutore dinamico diurno, antiinfiammatori per via locale, onde d'urto, infiltrazioni locali di steroidi, ecc.).

Solo in caso di insuccesso di queste terapie non aggressive si può cominciare a parlare di intervento chirurgico.

Poi, la scelta di quale intervento fare è condizionata dalle preferenze del singolo chirurgo, dall'età e esigenze lavorative del paziente, gravità dell'artrosi, concomitanza o meno di patologie associate.

La protesi trapezio-metacarpale è solo una delle numerose soluzioni: esistono infatti le teno-artroplastiche in sospensione, quelle con interposizione di uno spaziatore (biologico o sintetico) previa asportazione parziale o completa del trapezio, le artrodesi.

Io personalmente consiglio sempre si sentire almeno "due campane", giusto per allargare il ventaglio delle possibili soluzioni.

Rimane un fatto: l'eventuale intervento può essere sempre fatto in seguito (in sostanza, a rimandarlo, non si perde nulla, si guadagna solo tempo).

Cordiali saluti.