Utente 468XXX
Gentili dottori,sono stato operato in dato 20 settembre di frenulotomia.
Sono stato sottoposto a tale operazione per via di un dolore sempre maggiore
durante i rapporti sessuali.Dopo 2o giorni dalla visita ho eseguito un
controllo e il dottore mi ha rassicurato dicendo che tutto era guarito e
potevo tranquillamente ricominciare ad avere rapporti.
Il problema sorge ora.Avro avuto 3 o 4 rapporti sessuali,e in tutti i casi
sono stato vittima di una fortissima eiaculazione precoce,disturbo che
non avevo mai avuto in vita mia.Qualcuno puo spiegarmi il motivo?Vorrei
specificare che questi 3 o 4 rapporti sono avvenuti con la mia partner,senza
preservativo.
VI ringrazio in anticipo per il vostre tempo e aiuto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente.
è probabile che il timore di avere dolore dopo un interv ch al glande abbia influito sulla qualità del rapporto.
Provi ancora ,potrebbe rientrare nella normalità.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

i primi rapporti dopo un intervento al frenulo ( 1 mese !) sono senz'altro "disturbati" da sensazioni dolorose, timori, e possono tradursi in scarso controllo della eiaculazione.
In genere si vede che tra tutti i pazienti che si sottopongono a plastica del frenulo la "tempistica " eiaculatoria tende ad allungarsi.
Per un certo periodo "si protegga" con il profilattico
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono daccordo con i colleghi
[#4] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
grazie mille per tutte le risposte
[#5] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
gentili dottore..da quanto ho capito dovrebbe essere un problema psicologico...ma..ho provato da solo...a toccarmi da solo in pratica...se mi tocco normalmente allora ok,tutto normale...se abbasso tutta la pelle..ho subito la sensazione dell orgasmo...non mi sembra una cosa psicologica.da cosa potrebbe dipendere?
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
generalmente un intervento di frenulectomia, come già sottolineato dal collega Pozza, tende ad allungare i tempi della risposta sessuale. Escluso il problema psicologico e quello dell'astinenza sessuale prolungata (circa 1 mese) si potrebbe pensare ad una ferita post-chirurgica rimasta più "sensibile" alle usuali stimolazioni. Monitorizzi a questo punto la situazione nel tempo , cioè veda quello che succederà in queste prossime settimane, e poi bisogna comunque ricontattare il collega che l'ha operata per rivalutare e ridiscutere il suo problema.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#7] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Durata del rapporto sessuale di stasera: 30 secondi....sto cominciando davvero a demoralizzarmi..
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Senza drammi , con calma , ricontatti il chirurgo che l'ha operata.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#9] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Ma secondo lei Dott. Beretta da cosa potrebbe dipendere?
Aspetto ancora una settimana,se continua,la settimana dopo il ponte del 1 novembre chiamero il dott. Comeri che mi ha operato.
Un cordiale saluto
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
potrebbe trattarsi dell'esito di una normale irritazione post-chirurgica , non infrequente in questo tipo di chirurgia, che aumenta la sensibilità nell'area interessata oppure un problema nuovo e diverso. Una raccomandazione a lei e a tutti i lettori del sito: è sempre bene non fare nomi di colleghi, non servono a spiegare la situazione clinica ed inoltre possono condizionare, in alcuni casi, anche le nostre risposte "in positivo od in negativo".
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org