Utente 195XXX
Salve a tutti.
fin da quando ho ricordo ho sempre sofferto di ferro e pressione bassa e di una leggera anemia,ma niente di che dato che dono il sangue tranquillamente,anche se con la pressione a limite.
come nel caso dell'ultima volta,ho potuto donare avendo avuto la pressione a 110.
come di consueto i giorni prima e dopo aver donato cerco di seguire un'alimentazione ricca di ferro e vitamine,in modo da evitare cali di pressione.
per la prima volta però dopo aver donato ed essere stata a riposo prima di alzarmi dal lettino,ho avuro un capogiro dopo due passi subito dopo essermi alzata lentamente.
e due giorni dopo,ossia stamattina dopo aver fatto colazione sono svenuta.
ho sempre avuto annebbiamento della vista e un fischio alle orecchie ogni volta che mi alzo dal letto o da una sedia o poltrona,o quando mi rialzo da terra per prendere qualcosa. però uno svenimento non mi capita da tempo,quando era estate ed ero piu' piccola e magari per il caldo non mangiavo e di conseguenza sono svenuta.
la cosa strana stavolta è che avevo finito di bere il caffelatte con dei biscotti da una decina di minuti,e un'ora prima avevo mangiato della frutta.
pensate sia dovuto al fatto che ho donato il sangue qualche giorno prima?
però ormai sono 2anni che stò donando,non ho avuto mai problemi di questo genere.
inoltre da una settimana circa ho mal di testa ogni volta che mi sveglio e mi dura tutta la giornata,soprattutto se faccio qualche sforzo.
al momento della donazione mi era sfuggito questo particolare,per questo non ho detto niente.

un'altra cosa,quando devo fare un prelievo,ogni volta ho il problema delle vene che non riescono a trovarle perchè dicono che sono piccole.
si può risolvere questo problema?
magari facendo sport migliora la situazione?
vorrei che non ci fosse alcun problema nel continuare a donare il sangue,perchè è una delle cose che sono indispensabili per me,è un piccolo gesto che mi auta a sentirmi utile anche se in minima parte e quanto prima vorrei vedere per la donazione del midollo.
al momento comunque non mi è stato sconsigliato di coontinuare a donare,a parte dai parenti,ma cosa posso fare per non avere problemi e rischiare di non poterlo fare più?

vi ringrazio per la vostra attenzione e scusatemi se sono stata troppo ripetitiva e se mi sono dilungata troppo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Mi complimento innanzitutto con lei per il suo senso civico: donare il sangue e' veramente importante.
Per cio' che riguarda i suoi valori pressori l'assun zione di ferro non le aumenta tali valori ed ha senso solo se la sideremia risultasse bassa nei suoi esami ematochimici. Per aumentare un po' i valori di pressione e' opportuno che lei beva abbondantemente acqua (2 litri al di) e che mangi leggermente piu' salato.
Cordiali saluti
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
la ringrazio per avermi risposto Dr.Cecchini.
ma l'annebbiamento della vista e quel senso di calo di pressione che ho quasi sempre,anche quando finisco di mangiare a cosa è dovuto?
p.s. lo scorso mese non mi hanno fatto donare perchè ho avuto RBG 4,29 Hgb 12,2 e Hct 36,8 .
cosa posso fare per non rischiare più di non donare?
sono rimasta male,va bene che ho solo dovuto rimandare e tra 2 settimane torno ,ma vorrei tornare non per vedere SE posso donare ma PER donare.
quali accorgimenti devo fare?
grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Normalmente , dopo mangiato, i valori pressori calano fisiologicamente. Il mangiare leggermente più salato e bere almeno due litri di acqua al giorno servono, come le ho detto per essere più idratata e farla stare meglio. Arrivederci
Cecchini