Utente 118XXX
gentili signori medici,
in maniera alquanto sprovveduta ho eseguito per la prima volta un ricambio di cartuccia toner per stampante laser in una stanza,salvo poi casualmente tramite internet venire a conoscenza della tossicità della polvere che libera particelle sottilissime e cancerogene.Istintivamente,senza sapere nulla,ho maneggiato con cura,evitato di inalare,aereato i locali etc etc,ma non e' per questo che vi scrivo.Vorrei sapere per il futuro che tipo di rischi si corrono nel compiere questa pratica e prendendo i dovuti accorgimenti(tra cui operare all'aperto) e se cosi' facendo la pratica puo' definirsi sicura.Per fare un esempio la candeggina e' tossica ma se maneggiata con cura e' innocua,mentre lo stesso non potrebbe dirsi per le sostanze radioattive...quindi vi scrivo in merito alla conoscenza di un preciso indice di rischio.Grazie anticipatamente per la risposta
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività +60
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si tratta di un tema molto controverso perchè
una corretta valutazione del rischio negli ambienti di lavoro può realizzarsi solo se si conoscono tutti i componenti del singolo brevetto di toner e le reali emissioni delle stampanti in ambiente di lavoro.

http://it.wikipedia.org/wiki/Testo_unico_sulla_sicurezza_sul_lavoro


Per una singola inalazione il rischio è irrisorio, per il resto le allego un link classico che contiene molte informazioni istruttive per il futuro

http://it.wikipedia.org/wiki/Toner

da cui si evince la difficoltà a rispondere con una posizione chiara alla sua richiesta.