Utente 267XXX
Gentili Dottori,

Sono da anni affetto da una blefarocongiuntivite(infiammazione dei margini palpebrali e della congiuntiva) allergica(acari),e nonostante le varie viste specialistiche intercorse in questo lungo lasso di tempo,non sono mai riuscito purtroppo ad alleviare questa mia fastidiosa patologia(accompagnata anche da rinite,ipertrofia dei turbinati).Devo ammettere che i fastidi non m permettono di vivere una vita tranquilla,lì presento tutti i giorni,e il risveglio è difficoltoso(la notte aumentando il calore oculare,aumentano i sintomi(rossore,prurito,fotofobia,gonfiore,dolore,secrezione mucosa).Ho installato tutti i colliri possibili immaginabili anche monodose(cortisonici,antistaminici,umettanti,antibiotici,stabilizzanti di membrana),ho attuato tutte le norme per l'allontanamento dell'allergene,effettuato vaccino desensibilizzante,antistaminici anche per os,ma niente allevia la mia patologia!L'unica strada che mi è rimasta è l'assunzione del cortisone per via sistemica, sto provando(so che il fai da te è sempre sbagliato,ma ne sono costretto)il Bentelan(0,5mg),da circa 5giorni, e devo dire che mi sembra di esser rinato,fastidi drasticamente diminuiti,1 e 2 giorno due compresse(mat e sera),3 e 4(1 compressa sera)5 giorno(mezza compresa= 0.25m).Premesso che lunedi andrò dal mio medico di base a chiedere lumi su tale terapia,se la dose minima 0.25 si mostrerà in futuro sufficiente per spegnere la mia infiammazione,c'è la possibilità per me di una terapia cronica?(mgari anche a 0.50 mg giornalieri)o gli effetti del cortisone sarebbero devastanti?(rit. idrica,problemi intestinali e osteoporosi ad es) ho studiato ad esempio che per alcune patologie,es artrite reumatoide il cortisone è preso a lungo e a dosaggi più alti.(non è però il betametasone). o in alternativa esiste un cortisonico più leggero? adatto per terapie prolungate?

P.S. Un ulteriore domanda,da semplice appassionato di farmacologia( sto terminando gli studi in farmacia) l'anno scorso il medico di base mi fece provare il dirahist(associazione di Triamcinolone 1 mg, clorfeniramina maleato 2 mg)dicendo che potevo prenderlo cronicamente(1 capsula al dì),purtroppo però non mi fece effetto. Perchè potevo effettuare una terapia cronica di cortisone senza effetti collaterali?il triamcinolone è un cortisonico "leggero"?!

Mi scuso se mi sono dilungato oltre modo. Ringrazio dell'attenzione.

Cordiali Saluti e Buon Lavoro :)
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile utente
trattamenti cortisonici oltre la settimana possono comportare una serie di effetti compreso la necessità di una sospensione graduale,per i vari effetti farmacologici dei cortisonici è ovvio che comportino una serie di problemi sistemici a livello dell'organismo (basti pensare l'inibizione esercitata sull'asse ipotalamo/ipofisi/surrene)per cui il loro uso deve essere sempre considerato solo quando i benefici superano i rischi; il deflazecort è la molecola che forse ncide meno sull'asse ipoy/ipof/surrene,ma s'intenda ho detto meno non per niente!
[#2] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2004
Gentile Dottore,

Grazie dell'attenzione, anche solo 0,5 mg giornalieri di bentelan,per terapie prolungate, sono in grado di portare ad un'inibizione sull'asse ipotalamo/ipofisario/surrene? o comunque ad effetti collaterali importanti? se la sua risposta sarà positiva sarei costretto ad abbandonarne l'uso,non vedo altra via d'uscita.

codiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
si anche 0.5 mg se protratti nel tempo inducono variazioni dell'asse ipot/ipof/surrene
[#4] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2004
Grazie per avermi dedicato del tempo,e grazie della pazienza. Buon Lavoro
[#5] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2004
Mi scusi Dottore,

se torno a disturbarla a distanza di tempo, volevo porle una domanda, invece per quanto riguarda i FANS,qual'è la molecola con minori effetti collaterali a lungo termine? mi sembra di ricordare dagli studi di chimica farmaceutica che ad esempio l'ossifenilbutazone non aveva grandissimi effetti irritativi della mucosa intestinale(ma forse la memoria mi inganna e ricordo male)

La ringrazio nuovamente. Buon Lavoro
[#6] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2004
P.s. Mi sembra di ricordare che l'ibuprofene aveva meno effetti collaterali,ma anche non una spiccata azione antinfiammatoria.
[#7] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
l'ibuprofene ha un'ottima tollerabilità ed una buona attività antinfiammatoria (ovviamente a dosaggi adeguati)