Utente 790XXX
Gentili Dottori, Vi scrivo perchè soffro di e.p, qualche mese fa ho effettuato una visita urologica e mi è stato prescritto il nuovo farmaco Priligy 30 mg, dalla prima volta ho notato un lievissimo miglioramento ma molto di più effetti collaterali tipo giramento di testa, senso di vomito e stanchezza, questi effetti si sono verificati anche le successive volte, c'è da dire che nella visita effettuata non sono stati riscontrati problemi fisici frenulo nella norma, tutto regolare.. Questo problema di e.p si manifesta anche x piccoli stimoli ed è una sensazione brutta, sono un pò ansioso per carattere ma durante i momenti di intimità mi rilasso e penso a vivermi il rapporto. Non sono d'accordo sul fatto che senza qualche esame per esculdere la natura organica del problema, si dica che è l'ansia. Ho letto in giro che ci sono alcuni test ed esami per capire meglio la fonte del problema.. Vorrei risolvere questo problema con tutto il cuore, magare senza l'aiuto di farmaci (dei quali non sono soddisfatto assolutamente). Fiducioso, aspetto con "ansia" Vostri consigli.Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore il farmaco da lei assunto è attualmente considerata la miglior molecola nel trattamento dell'eiaculazioneprecoce, tuttavia, sebbene la ditta produttrice sostenga che gli effetti collaterali sono pochi e rari, in un'alta percentuale di casi i pazienti che lo assumono riferiscono a noi specialisti la comparsa e la persistenza di effetti avversi.
Da ciò che lei racconta non sarebbe consigliabile andare avanti con la terapia in atto. Probabilmente è opportuno che lei consulti nuovamente un urologo per adeguare il dosaggio o eventualmente cambiare tipo di terapia.
[#2] dopo  
Utente 790XXX

Iscritto dal 2008
Salve, sono stato di nuovo a visita, mi è stata sospesa questa cura, e mi è stato detto di provare con un tipo di crema anestetizzante. Vorrei sapere da voi se esiste un qualche tipo di rimedio permanente, premetto che la mia ragazza è molto comprensiva e quindi escludere il problema dell'ansia, quindi in tutti i rapporti sono molto ma molto tranquillo.. Attendo Vostre risporste, grazie in anticipo..
[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
mi associo al DR.Marsala nella risposta.
Alla sua giovanissima età, fatta la valutazione andrologica ed escluse cause organiche o infiammatorie, le suggerirei una consulenza psico-sessuologica, al fine di comprendere le cause "altre" correlate all'e.p., che nei pazieni giovani, concorrono a mantenere in vita la disfunzione.
Se la sua ragazza è comprensiva ed è a conoscenza delle sue difficoltà, si potrebbe valutare l'ipotesi di una terapia breve, ad orientamento sessuologico, che lavori su coppia, dinamiche intrapsichiche correlate alla sessualità e, strategie per potenziare il punto di non ritorno eiaculatorio.
Legga, se desidera,alcuni dei miei articoli, sull'argomneto, crdo troverà qualche spunto di riflessione.
Cari saluti
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/243/Eiaculazione-precoce-quell-incontrollabile-fretta-del-piacere

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/581/Eiaculazione-precoce-solitudine-e-sofferenza-di-chi-ne-soffre
[#4] dopo  
Utente 790XXX

Iscritto dal 2008
Salve, grazie per le risposte, volevo dire alla dr Randone che per tutte le volte che sono stato a visita, non mi è stato fatto nessun esame specifico se non quello di un'ecografia testicolare con eco-colo-doppler dei vasi spermatici, ma non credo che questo esame possa escludere tutti i fattori infiammatori o organici, conferma? Mi è stata data solo la pillola Prliligy definita miracolosa dal portale, ma a me non ha fatto altro che farmi addormentare e farmi star male. Sinceramente non voglio più "tentare" di trovare la soluzione giusta a questo problema che a lungo andare mi sta mettendo in disagio.. Prima di "avventurarmi" in questa terapia, mi potrebbe spiegare più semplicemente di cosa si tratta? Vorrei chiedere ai dottori andrologi che visto che da piccolo sono stato operato di postectomia, ora appena sotto il glande, al di sotto del frenulo anche, c'è un'agglomerato di (scusate i termini che non so se sono quelli giusti) pelle molto molto sensibile di cosa si tratta? è normale? Sto notando ultimamente che in alcune circostanze il glande e soprattutto la corona mi da un pò fastidio, ma non eccessivamente.. Cosa mi consigliate? So di aver posto molti quesiti, ma fiducioso in Voi spero di ricevere tutte le risposte ai miei dubbi.. Grazie in anticipo, SALUTI.