Utente 195XXX
Salve,
ho 33 anni e non riesco ad avere figli con mia moglie.
All'età di 7/8 anni,dopo una cura di gonadotropine, sono stato operato di criptorchidismo (ad entrambi i lati, ma in anni diversi) perchè avevo testicoli retrattili (fenomeno dell’ascensore).
Durante una recente visita l’andrologo ha riscontrato testicoli di volume ridotto e mi ha prescritto una serie di esami di cui riporto i risultati (ormoni, ecografia, esame del liquido seminale e analisi genetiche).
Per ricapitolare ho un FSH molto alto (37) e dall'esame del liquido risulta azoospermia .Sono in attesa dei risultati del cariotipo per tornare al centro e riparlare con l'andrologo, ma le altreanalisi genetiche sembrano ok.
Devo aspettare necessariamente il cariotipo per procedere con step/analisi successive?Ho qualche speranza di trovare spermatozoi con TESE/MicroTESE o è tutto inutile?
Grazie mille per la disponibilità

1-ANALISI ORMONALI
PRL Prolattina: 11.1
TSH: 1.04
FSH: 36.97
LH: 9.36
Testosternone: 3.63

2-ECOTOMOGRAFIA SCROTALE
-Testicoli in sede, ipoplasici e con ecogenicità modicamente diminuita
-Epidimi nei limiti del volume e con ecogenicità disomogenea

3-ESAME DEL LIQUIDO SEMINALE
Volume:2.1
pH: 7.8
Aspetto: Acquoso
Viscosità: Nei limiti
Fluidificazione: Fisiologica
Numero spermatozoi
Concentrazione: AZOOSPERMIA

4-GENETICA
Fibriosi cistica: Omozigote normale. L’analisi del tratto di politimina (TN) dell’introne 8 ha mostrato la presenza in omozigosi degli alleli 7T/7T
Microdelezione cromosoma Y: Paziente normale per la regione cromosomica analizzata
Cariotipo: In attesa del risultato

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
in una situazione come questa la letteratura indica una probabilità di ritrovare spermastozoi durante una TESE non alta ma possibile.
cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
se non risultano sorprese al cariotipo la sua situazione pare riconducibile ad una azoospermia secretiva (o "non ostruttiva"); può leggere in tal senso un contributo del Dott. Beretta http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-azoospermia-spermatozoi.html . In altri termini i suoi testicoli non produrrebbero spermatozoi in quantità tale da poter arrivare all'esterno tramite lo sperma, MA POTREBBERO esistere alcuni focolai di produzione di spermatozoi all'interno del testicolo. In tal senso,come dice il Dott. Biagiotti, può aver senso una ricerca di spermatozoi da testicolo. In un caso come il suo la modalità che ha possibilità più elevate di recupero è la tecnica Micro-TESE http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/617-ricerca-microscopio-spermatozoi-testicolo-fecondazione-assistita-tecnica.html
[#3] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille per le risposte.
Ho ancora però tanti dubbi:
-cosa può risultare dal cariotipo?perchè potrebbe influenzare la diagnosi?
-la mia situazione potrebbe essere stata causata dalle operazioni di criptorchidismo o queste sono state solo una conseguenza di una malattia pregressa? (Anche se forse è tardi vorrei capire quale sia stata la causa della mia azoospermia)
-Potete consigliarmi qualche centro in Italia (o meglio a Roma) per effettuare la micro-TESE? E se eventialmente vengono trovati spermatozoi vengono congelati?L'operazione potrebbe avere delle controindicazioni?

Ancora grazie per l'interessamento

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
salve.
difficile che il cariotipo influenzi gran che la cosa ma occorre comunque.in rari casi sconsiglierebbe la riproduzione perchè si trasmetterebbe all'eventuaale figlio la stessa anomalia genetica.
gli interventi subiti ( criptopessi) sono stati effettuati per evitare ulteriori negative conseguenze ai suoi testicoli. il problema è il danno testicolare causato dalla ritardata discesa dei testicoli, non dall'intervento correttivo. gli eventuali spermatozoi trovati si congelano in azoto liquido per essere utilizzati in un secondo tempo per tentativi di fecondazione assistita, possibili anche a Roma.
cordialmente
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

testicoli che non siano scesi spontaneamente, spesso hanno problemi di produzione di spermatozoi, anche dopo essere stati riportati nelle sacche scrotali.
Importante il volume dei testicoli stessi, la valutazione della InibinaB ch ci dovrebbe dare qualche segnale circa la presenza o meno di spermatogenesi in qualche tubulo magari segregato dal circolo .
E' chiaro che la possibilità di recuperare spermatozoi vitali in un caso come il suo non sono molto elevate ma comunque credo questa sia l'unica scelta a cui vi trovate di fronte se volete coronare il desiderio di avere una prole.
E' una "strada erta e lunga" ma in molti casi i risultati sono buoni.
veda www.andrologia.lazio.it
cari saluti
[#6] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
Grazie a tutti per il prezioso aiuto.
Ho letto che ci potrebbero essere dei rischi associati alla TESE (o micro TESE) in presenza di testicoli con volume ridotto (è il mio caso), con la possibilità di rimuovere troppe cellule di testosternone.... Potete confermarlo? O la biopsia non ha controindicazioni?

Inoltre dal commento del dott. Pozza deduco che prima di una biopsia convenga effettuare la valutazione della InibinaB, correggetemi se sbaglio.

Cordialmente
[#7] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
salve.
la probabilità di asportare troppo tessuto testicolare e finire ad evere meno testosterone del dovuto è abbastanza bassa. l'inibina è uno degli indicatori, più sono meglio ci orienta.
cordialmente
[#8] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
Grazie ancora per tutte le delucidazioni,
tra 15 gg avrò i risultati del cariotipo e potrò, con l'aiuto dell'andrologo, decidere il da farsi.
Spero che il danno testicolare non sia elevato, anche perchè i miei genitori, nonostante in un foglio di uno degli ospedali consegnato dopo l'operazione compaia la scritta "criptorchidimo", dicono che ero solo affetto da testicoli in ascensore (che risalivano nell'inguine) e di qui la cura di gonadotropine e le successive operazioni.
Purtroppo ancora non ho in mano le cartelle cliniche per avere maggiori dettagli.


cordiali saluti
[#9] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
magari ci tiene informati.
cordialità
[#10] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
Salve,

purtroppo le cartelle cliniche confermano che ho subito all'età di 7 e 9 anni due operazioni per correggere un criptorchidismo bilaterale.
Gli esami del cariotipo sono normali e ieri l'andrologo, come mi aspettavo, ha detto di effettuare una biopsia testicolare, ma senza congelamento di spermatozoi.
Da quanto mi ha fatto capire, sostiene che pur trovando qualche spermatozoo (molto difficile vista la gravità della situazione) la sua mobilità e qualità non sarebbe "eccezionale", e quindi in una eventuale ICSI mi verrebbe comunque richiesta una nuova biopsia per ottenere del seme fresco.
Che ne pensate?
Sono abbastanza rassegnato ma per sfatare ogni dubbio farò la biopsia, nel frattempo stiamo valutando l'idea di ricorrere ad una eterologa.
Ma è possibile utilizzare come donatore mio padre di 70 anni? Se mia moglie si presentasse con lui per una fecondazione assistita lo potrebbe fare anche in un centro italiano o la legge lo vieta?

Grazie mille e cordiali saluti
[#11] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
salve.
ho delle riserve su quanto ci racconta.
biopsie senza possibilità di crioconservare eventuali spermatozoi non hanno molto senso.
E' comunque solo il mio parere.
in Italia l'eterologa non è legale.
cordialmente
[#12] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
Salve,
ho consultato il parere di un altro centro che invece mi ha consigliato un nuovo spermiogramma e in caso non si trovino spermatozoi un ago aspirato con possibilità di crioconseervazione.
Prima di effettuare una biopsia vogliono quindi provare con metodi meno invasivi. Posso chiedervi cosa ne pensate? E sapreste indicarmi se c'è un periodo di convalescenza dopo l'ago aspirato o si risolve tutti in pochi minuti?

Grazie mille

Cordiali saluti
[#13] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
ho forti riserve sul fatto che l'agobiopsia abbia un senso nel suo caso. Le possibilità di recupero di spermatozoi sono le più basse rispetto alle altre due tecniche, e anche se si trovassero spermatozoi la tecnica dell'agobiopsia non ne permette di recuperarne abbastanza per eseguire una crioconservazione. Inoltre la manovra è solo apparentemente meno invasiva: è una manovra eseguita alla cieca ed esiste la possibilità di ledere involontariamente qualche vaso sanguigno del testicolo, che potrebbe determinare un ematoma e conseguente danno al tessuto testicolare.
[#14] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
assolutamente d'accordo su quanto espresso dal dr Pescatori.
cordialmente
[#15] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
Salve,

Ho ripetuto l'esame dell'FSH per una nuova visita in un altro centro(supportato anche dalle vostre riserve sull'uso dell'ago aspirato nella mia situazione).
Il valore dell'FSH è salito a 53 (contro i 37 di gennaio).
Le due analisi sono state effettuate nello stesso laboratorio.

E' normale che ci siano questi sbalzi ormonali?
E con un valore a 53 la letteratura medica indica ancora una possibilità di trovare eventuali spermatozoi con TESE o MicroTese?
Scusate l'insistenza, ma se da un lato voglio provare tutte le strade, dall'altro vorrei evitare di sottopormi ad interventi chirurgici se le probabilità di successo sono pari a zero. E nonn riesco a trovare delle statistiche per decidere da solo il da farsi.

Cordiali saluti e grazie ancora dei consigli e dell'umanità che mi state dimostrando.