Utente 180XXX
Salve, mio marito di 34 anni ha subito un intervento per emorroidi di 3 grado. Ora, a 7 giorni dall'intervento, il dolore è sempre molto forte e fatica ad evacuare le feci. Sente il bisogno di andare in bagno ma è come se ci fosse un'ostruzione al condotto rettale. Questo gli dà una sensazione di gonfiore e pesantezza perchè non riesce a liberarsi. Ha già preso dei lassativi ma non gli sembra di essersi liberato del tutto, come se avesse "mandato" solo acqua. E' normale tutto ciò? E quanto tempo passerà prima che stia meglio?

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dovrebbe allegare il tipo di intervento che ha subito.
Comunque in alcuni tipi di intervento di emorroidectomia
poivhè viene asportato il tessuto emorroidario e i cuscinetti cutanei anali con l' apposizione di punti di sutura, si creano delle "ferite" che tendono a restringere il canale anale. L'urgenza defecatoria (tenesmo) e' un sintomo che spesso accompagna questi interventi proctologici.
Dovrebbe parlarne con il chirurgo al controllo.

[#2] dopo  


dal 2011
Il tipo di intervento è emorroidectomia sec Milligan-Morgan, mi scusi ma credevo che questo tipo di intervento fosse sempre uguale. Il chirurgo gli ha prescritto il Daflon 2 volte al giorno e un disinfettante per le medicazioni.
Non ho ben chiaro se ci siano punti di sutura perchè durante l'intervento sono state "bruciate" delle parti. E' quindi possibile che la ferita sia stata "chiusa" tramite queste, e senza punti?
[#3] dopo  
Dr. Massimo Caporossi
32% attività
0% attualità
0% socialità
CIAMPINO (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Dopo così poco tempo è inverosimile che possa essere una stenosi cicatriziale. Probabilmente la sensazione di ostruzione è dovuta ad uno spasmo dello sfintere anale che si verifica abbastanza spesso dopo emorroidectomia. Al momento è importante evacuare regolarmente feci formate. Questo si può ottenere con l'uso di fibre e l'assunzione di abbondante quantità di acqua. E' importante inoltre il controllo del dolore soprattutto durante l'evacuazione.
[#4] dopo  


dal 2011
Grazie mille per l'attenzione. Al momento riesce ad evacuare ma non in maniera solida, forse proprio per l'apporto di fibre ed acqua. Cosa significa esattamente che deve controllare il dolore? Al momento soffre molto al momento dell'evacuazione e anche dopo. Per questo prende delle gocce di Tora-dol, datogli dall'ospedale...dovrebbe fare altro?

Grazie ancora.
[#5] dopo  
Dr. Massimo Caporossi
32% attività
0% attualità
0% socialità
CIAMPINO (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
Se non ci sono controindicazioni, consiglierei 10 gtt di toradol e, internamente, l'uso di pomate anestetiche come il luan o meglo emla 15 minuti prima di evacuare. Se non funziona, si potrebbe ricorrere al contramal ma con qualche possibile effetto collaterale in più.

Cordiali Saluti