Utente 471XXX
Buongiorno Dottore, io e la mia compagna che ha 41 anni, stiamo cercando un figlio, prima volta per entrambi nonostante l'età, e dopo 6-7 mesi di tentativi a vuoto il medico di mia moglie ha consigliato un analisi del liquido seminale come primo passo, che allego

Giorni Astinenza 3
Volume 3.5
Aspetto norm
Ph 7.5
Fluidificazione norm
Viscosità norm
Numero di spermatozooi 16.0 x10E6/ml
Rapidamente progressivi 30%
Lentamente progressivi 20%
Non progressivi 20%
Immobili 30%
Agglutinazione 0
Spermat/Eiaculato 56.0 x10E6
Forme normali 30%
Anom. testa 60%
Anom tratto intermedio 5%
Anom coda 5%
Cellule spermiogeniche 2 xc.m
Leucociti 3 xc.m
Emazie assenti
Modesta oligozoospermia; Discreta Luecospermia

Adesso, volevo capire se con queste caratteristiche (immagino un'infiammazione giusto?) è possibile una fecondazione naturale, oppure visto l'età e il passare del tempo che incalza e gioca a ns sfavore, quali passi dovremmo fare per un'eventuale inseminazione assistita.

Ringrazio anticipatamente


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Si il quadro depone per una oligospermia, ovvero per una riduzione numerica del numero di spermi.
E' presente contestualmente anche una leucospermia, ovvero presenza di leucociti nel liquido seminale: ciò non è un fatto normale ed è indice di una infezione dell'apparato genitale.
Opportuna valutazione urologica/andrologica per l'impostazione di una terapia antibiotica. La rivalutazione del quadro seminale andrà poi fatta dopo una quindicina di giorni dal termine dell'antibioticoterapia. Tuttavia dai dati che lei riportava il quadro è tranquilamente compatibile con una gravidanza.
Come certamente saprà la fertilità è comunque influenzata da tantissimi fattori e l'età potrebbe essere determinante.
A maggior ragione l'ipotesi di affidarsi ad un urologo/andrologo afferente ad una struttura che segua l'infertilità è un buon suggerimento che posso darle.
COrdiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,i segnali relativi ad un'infiammazione si riducono alla leucospermia la cui significatività è,tralatro,messa da molti in discussione.Penso che,data l'età,sia opportuno un rapido ed attento consulto tra il Suo andrologo ed il ginecologo,sulla opportunità di una scelta che risulta,comunque,essere difficile e controversa.
Auguri sinceri
[#3] dopo  
Utente 471XXX

Iscritto dal 2007
Vi ringrazio moltissimo per la prontezza delle vs preziose risposte.
Mi capire quindi di capire che questo liquido è in grado in qualche modo di fecondare giusto? Magari non naturalmente ma in maniera artificiale.
E che è più condizionante l'oligozoospermia che non la possibile infiammazione comunque da indagare e risolvere.
Ancora grazie e cordialissimi saluti
Roberto
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Alla Vostra età le possibilità di una fecondazione non sono significativamente maggiori rispetto ad una ricerca "naturale".Va da sè che questa affermazione va confermata dopo esame attento della coppia da parte del ginecologo e dell'andrologo.
Cordiali saluti