Utente 196XXX
Salve,
mio padre è stato operato una settimana fa per 4 bypass aortocoronarici in seguito ad un infarto miocardico accaduto circa 20 gg prima del ricovero.
Gli è stata anche disocclusa la valvola mitralica. Ha passato 4 gg in terapia intensiva di cui 3 intubato per insufficienza respiratoria (polmoni hanno difficoltà scambio ossigeno dovute a tabagismo importante e al ristagno di liquidi nei polmoni, 2 litri asportati in intervento e altri litri da drenare attraverso diuresi). A causa del forte catarro che a quanto pare occludeva il tubo del respiratore si è strappato tutto ed avendo sufficienti scambi non è più stato reintubato. Ieri è passato in cardiochirurgia e oggi vuole essere dimesso per andare a casa, e non vuole nemmeno valutare la degenza in struttura convenzionata dove i medici gli hanno detto che dovrebbe fare riabilitazione. Vorrei portarlo a conoscenza dei rischi che corre, e questo è il motivo della richiesta di consulenza. Ho davvero paura che possa commettere ui grave errore che potrebbe pagare caro. Grazie per le risposte che saprete darmi, sarà mia cura fargliele vedere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La riabilitazione, in questo tipo di paziente, svolge un ruolo fondamentale nel recuper del paziente, specie se egli e' ad elevato riscvhio, essendo tabagista e quindi con insufficienza respiratoria .
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org