Utente 124XXX
buonasera,chiedo gentilmente un vostro consulto da esperti,5 anni fa ho iniziato a lavorare in un'azienda alimentare che oltre ad altri prodotti produce camomilla,dopo circa 3 anni che lavoravo in quell'azienda (senza avere nessun problema)ho cominciato a starnutire frequentemente e allora nel dubbio ho fatto una visita allergologica dove mi hanno riscontrato un'allergia++ alla camomilla.adesso lavoro ancora nella stessa azienda, stando attento a stare distante dal reparto camomilla ma a volte non posso farne a meno,il mio problema è che anche con la mascherina arrivo alla sera che sono intasato e non potendo prendere tutte le sere l'antistaminico(formistin)chiedo se esiste un metodo(areosol,fumenti ecc)non aggressivo .grazie e complimenti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
L'aerosol può essere fatto con farmaci al cortisone in caso di attacco allergico acuto con tosse, dispnea e broncospasmo, ma capisco che il problema qui è cronico, contatto perenne con la camomilla.
L'aerosol dunque dovrebbe essere il più possibile non tossico, in questo caso può usare il sodio nedocromile in fialoidi.
Prenderei in considerazione una possibile immunoterapia specifica.

Saluti