Utente 196XXX
Salve sono un ragazzo di 33 anni,
il 19 Gennaio sono stato operato di ragade anale senza sfinterotomia,
durante l'operazione sono state asportate anche delle neoformazioni.

Nelle prime due settimane ho avuto dolori fortissimi in vari punti (anche abbastanza interni) ma non dove era la ragade e ingenti perdite di sangue.
Sono stato rivisitato dal chirurgo che mi ha operato e ha diagnosticato una trombosi anale, fortunatamente (come ha detto il chirurgo) la trombosi si e' rotta durante la defecazione, quindi ho fatto una cura di voltaren per 5 giorni e effettivamente, anche se continuo a stare attento a mangiare e a defegare (dato che comunque alcune volte avverto lievi pizzichi durante la defecazione), va molto meglio.

Il fatto strano ora e' che da questa mattina ho avuto di nuovo una evidente perdita di sangue, "fortunatamente" senza dolore successivo.

Ho chiamato il chirurgo e mi ha detto che devo stare tranquillo perché e' del tutto normale: in questi casi, dove la cute e' molto delicata, possono verificarsi rotture.

La mia domanda e' questa:
Ma e' possibile che dopo quasi due mesi dall'intervento uno deve subire tutti questi disagi, quando sentendo amici, che hanno subito anche la sfinterotomia, dopo 3/4 giorni hanno riavuto una vita normale?

Fortunatamente non sono abituato a queste situazioni e quindi per me e' veramente stressante vivere in questo modo.

Grazie anticipatamente per il vostro supporto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
E' possibile, sarebbe importante sapere che tipo di intervento e' stato eseguito e quali neoformazioni sono state asportate. Credo comunque corretto far riferimento al collega che ha eseguito l' intervento e la segue personalmente. Auguri!
[#2] dopo  
Utente 196XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio Dr Favara,

in questo momento credo che la migliore cura e' il conforto :o)

Di nuovo grazie mille!