Utente 164XXX
Salve a tutti dottori..volevo chiedere un consulto circa quella che io credo essere una carie o non sò.. avverto fastidio e una forte sensazione di gelo con i liquidi ecc fra il dente dopo il dente dietro il canino superiore dal lato sinistro, e quello successivo (scusatemi ancora , ma non conosco la terminologia adatta) ... il colore della gengiva è normale, forse solo un pò arrossata in punta e sanguina un pochino quando passo il filo interdentale... sta di fatto che l'opt non ha rilevato nulla... ho fatto anche un ingrandimento, solo una piccola macchia vicino ad un otturazione addirittura dietro, che il mio dentista ha controllato ed è risultata essere niente , ma li io non avevo nemmeno la sensazione di gelo..
i sintomi che avverto credo siano cmq quelli della carie...e in internet ho anche letto che una pulpite in zona periapicale non è visibile all'rx ... può essere? e coem faccio a rendermene conto? il dente esteriormente è molto sano...
potrebbe essere una tasca? si vedrebbe all'opt??come dovrei accorgemene,che sintomi dà ? il mio dentista se ne sarebbe accorto?
premetto che anche qui il radiologo ha rilevato il dente del giudizio in posizione orizzontale cioè dice spinge sugli altri denti..però la sensazione che ho io è più di una carie dato il fastidio al gelo ecc..
che posso fare ?
...ringrazio cortesemente per l'attenzione..e vi auguro una buona giornata..sperando nelle vostre risposte..
[#1] dopo  
Dr. Sandro Compagni
24% attività
0% attualità
12% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Per poter valutare se ci sono delle carie tra i denti, il tipo di radiografia più idonea è quella endorale fatta direttamente dal dentista.
Se poi ci sono delle tasche, sarà sempre il dentista tramite un sondaggio a diagnosticarla, per poi procedere all'eventuale terapia.
Come potrebbe essere anche una lieve gengivite a darle fastidio, causata da placca e tartaro, che con un'accurata igiene professionale dovrebbe risolversi.
Altrimenti potrebbe trattarsi di ipersensibilità dentinale che le causa il fastidio del gelo, che con l'applicazioni di desensibilizzanti a studio o domiciliari si dovrebbe risolvere.
Pertanto le variabili sono diverse, e solo un'accurata diagnosi può sfociare nella terapia più adeguata.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Da come descrive la situazione potrebbe trattarsi o di un problema parodontale (tasca)o di una piccola carie interdentale che con l'opt può anche non essere notata. Oppure anche di una recessione gengivale sul o sui denti in questione. Credo che in ogni caso con una attenta visita la vausa possa essere trovata.
Cordialmente