Utente 190XXX
Buongiorno,
Ho 35 anni ed eseguo annualmente una visita caridaca (eco + elg) di controllo per scrupolo in quanto mio padre soffre di aritmia (fibrillazione). Il referto è tutto nella norma ad eccezione della pressione alta.
Dal cardiologo 5 anni fa, alla prima visita, rileviamo 180/100, ma ero agitato moltissimo un po' per via del mio carattere; quindi mi consiglia i seguenti esami: ecodopler alle arterie renali, urine nelle 24 ore, catelamine plasmatiche tutto negativo. Poi il test da sforzo (dove ero sempre agitatatissimo) rileva valori di pressione sempre alta a riposo 180/105 massimo picco dopo 7 minuti 225/110.
Da allora prendo 1 pastiglia di blopress 16 mg al giorno e durante tutte le misurazioni di autocontrollo che eseguo ho dei valori che al massimo raggiungonoi 130-135 su 85, ma spesso è più bassa a parte in particolari occasioni max 140 su 87 (comunque anche prima della cura non ho rilevato valori particolarmente alti. Il punto è che però alle visite mediche che annulamente eseguo rileviamo comunque una pressione massima di 180 minima sui 90 poi dopo 15 minuti, ed essermi un po' calmato siamo intorno ai 145/80. Anche le rilevazioni dal medico di famiglia (oppure in farmacia) appena mettiamo il bracciale sento un immediato aumento dei battiti con pressioni intorno ai 145/85.
Entrambi mi consigliano di effettuare sempre automisurazioni visto che provabilmente di fronte ad un medico mi agito esageratamente ed i valori non sono quelli abituali.
Notare che a riposo ho circa 55 battiti (faccio dello sport a livello amatoriale) alla visita riscontriamo una frequanza di circa 100 battiti.
Avete qualche opinione in merito
Ringrazio in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
lei evidentemente soffre della cosiddetta sindrome da camice bianco, ovverossia la sola presenza del medico o l'ambiente ospedaliero le determinano una scarica adrenergica tale da aumentarle la pressione arteriosa. In tali casi è di certo consigliabile un Holter pressorio. Ne parli anche con il curante.
Saluti
[#2] dopo  
Dr.ssa Valentina Bimbi
20% attività
0% attualità
0% socialità
GADESCO-PIEVE DELMONA (CR)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
Gentilissimo utente,
le consiglio di eseguire tutti gli accertamenti medici prescritti dal cardiologo, nel caso in cui il medico le confermasse che l'origine dei suoi problemi è psicologica le consiglierei di contattare un collega, in quanto è possibile attraverso l'utilizzo di specifiche tecniche arrivare ad una risoluzione.
Cordiali saluti