Utente 197XXX
Buongiorno ho 21 anni, vi espongo il mio problema:

Da circa un mese e mezzo soffro di afte che continuano a formarsi a gruppi di quattro o cinque sul palato e sulla mucosa della bocca, inoltre da qualche giorno la ghiandola sottomandibolare destra mi si è gonfiata e durante il primo pasto del giorno mi si indurisce ulteriormente provocandomi fastidio e dolore, il mio curante mi ha prescritto del Mycostatin in sospensione orale per una decina di giorni ma io non nascondo la mia preoccuopazione soprattutto per il gonfiore della ghiandola, grazie per l'attenzione, cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
12% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
per quanto riguarda le manifestazioni a carico della ghiandola salivare sottomandibolare, l'indurimento o congestione in prossimità dei pasti può essere sintomo di un'alterata o mancata escrezione di saliva, presumibilmente per la presenza di un calcolo o un tappo di mucina in corrispondenza della regione terminale dell'albero duttale: se la situazione non dovesse migliorare in tempi brevi, o al contrario,peggiorare, è consigliabile sottoporsi ad esame ecografico della ghiandola in questione ed a visita specialistica presso un chirurgo maxillo-faciale.

Per quanto riguarda le afte, molte patologie sistemiche nel loro corredo sintomatologico comprendono la presenza di lesioni clinicamente simili alle afte orali:
malattie intestinali (colite ulcersa, Morbo di Chron, morbo celiaco), neutropenia ciclica, deficienza di vitamina B12, di folati o di ferro.
Spesso le afte possono essere confuse con lesioni erpetiche.

Le afte orali possono essere anche idiopatiche, cioè non collegate ad altre malattie, e sono causate da alterazioni immunologiche locali scatenate da diversi fattori, che possono essere nutrizionali, ormonali, stress, piccoli traumi, cattive abitudini come mordicchiamento, intolleranza a determinati alimenti o sostanze, come dentifrici, rossetti, ecc.

E' pertanto necessario stabilire se ci sono patologie sistemiche spesso ignorate,poichè la cura di queste porterebbe anche alla remissione delle manifestazioni aftosiche.

Cordiali Saluti