Utente 182XXX
Gentilissimi,
ho l'abitudine di avere rapporti sessuali in cui il pene rimane per molto tempo in erezione (a volte anche piu' di due ore,talvolta senza interruzioni, altre volte il rapporto si sospende,prima di eiaculare,per poi riprendere successivamente) prima di eiaciulare e in passato o avuto prostatite (e talvolta sono soggetto a ingrossamento della prostata),senza peraltro aver mai sofferto di disturbi all'erezione.
Mi e' stato detto che erezioni troppo prolungate possono causare fibrosi o comunque stress ai corpi cavernosi e alle vene del pene e talvolta questo puo'portare a impotenza irreversibile, vorrei sapere:
1)la pratica di rapporti cosi' prolungati come nel mio caso puo' causare impotenza in generale e in particolare per chi ha sofferto di prostatite?
2)Quanto tempo deve durare al massimo un'erezione per evitare impotenza?
3)Quanto piu' l'erezione e' forte tanto piu' le vene del pene si stressano quindi e' auspicabile non tenere troppo a lungo un'erezione intensa o sarebbe meglio quindi avere un'erezione non troppo intensa durante il rapporto sessuale?
Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Sorprende ,di questi tempi,sentire qualcuno che si preoccupa di avere erezioni troppo prolungate.I timori che lei esprime si riferiscono ad una condizione patologica detta priapismo con erezioni dolorose,massimali e irreversibili finchè non si adotti un provvedimento terapeutico in emergenza.Il priapismo può comportare fibrosi e danni alle strutture erettili con secondario deficit.Nel suo caso lei non corre questi rischi;può soltanto andare incontro a congestioni prostatiche,peraltro facilmente curabili.Se le riesce,cerchi di ridurre i tempi del rapporto.
[#2] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dottore;
in verita' mi preoccupavo sia perche' sono soggetto a problemi di prostata,finora comunque lievi, e quindi temo che rapporti sessuali lunghi,pur piacevoli per me e la mia partner, possano causare problemi nel lungo periodo alla prostata stessa causando soprattutto impotenza, sia perche' di possibili fibrosi ai corpi cavernosi al pene mi parlava il mio medico di base,che e' urologo, il quale mi consigliava di non eccedere col sesso proprio per evitare problemi di fibrosi al pene che, una volta presente, da' problemi di impotenza irreversibili. Mi diceva di avere anche 2-3 rapporti al giorno,magari per 2-3 giorni ma non tutti i giorni e allora mi preoccupo un po' non perche' intenda averne di piu' (anzi non succede spesso) ma perche' dandomi dei limiti temo che il sesso cosi' come lo pratico io possa causarmi problemi a lungo andare